Scrivi quello che vuoi cercare

Come vincere alle scommesse sportive: 6 errori da evitare

Arriva puntuale un’altra guida del blog di Invictus dedicata ai membri della community ma anche a tutti coloro che intendono avvicinarsi al mondo del betting. In questo articolo ribaltiamo la prospettiva su come vincere alle scommesse sportive elencandovi  6 errori da evitare.

6 errori da evitare per vincere le schedine

Abbiamo racchiuso in 6 punti gli errori che, chi vuole imparare come vincere alle scommesse, deve assolutamente evitare. Una guida da tenere sempre in mente, che potrà tornare utile soprattutto ai giocatori che adesso iniziaano a “bettare” con più continuità.

Rischiare subito tutto il budget iniziale: giocare al di sopra delle proprie possibilità o tutto il bankroll, soprattutto se alto, in una volta sola è l’errore più comune commesso dagli scommettitori amatoriali, da evitare assolutamente. Bisogna avere contezza dell’andamento delle giocate. Utilizzate, a tal fine, carta e penna o un foglio di calcolo, dove segnerete tutte le entrate e le uscite. In alternativa, giocate le stesse schedine prima o dopo su Invictus, che vi offre – sempre gratuitamente – tutto il vostro storico.

Scommettere senza sapere: situazione da evitare come e “peggio della peste”, come già abbondantemente spiegato nelle guide precedenti finalizzate a capire come vincere una schedina: mai giocare di “pancia”, lasciarsi trascinare esclusivamente da sorte e istinto! Bisogna studiare e conoscere un evento in maniera approfondita prima di giocarlo. Non scommettere su tutto il palinsesto, inoltre, meglio individuare delle squadre e/o dei campionati e concentrarsi solo su quelli in modo da imparare gradualmente come vincere alle scommesse.

Non sapere quando fermarsi: bisogna stabilire a priori la soglia limite, quella cioè oltre la quale si rischiano ingenti perdite. Il non sapere quando fermarsi e continuare a giocare, magari sperando di recuperare tutto in un colpo solo, è un errore gravissimo. Se incappaste in una serie negativa di risultati, una volta arrivati alla soglia “tilt” (che consigliamo di fissare nel 20% del proprio capitale) fermatevi. Chiudete tutto e fate altro. “Insistere” potrebbe essere il primo, inconsapevole, passo verso la ludopatia.

Quote bassissime: Attenzione alle quote inferiori a 1.20, spesso veri e propri specchietti per le allodole che, invece di aiutarvi a capire come vincere alle scommesse sportive, vi potrebbero far perdere. Logica conseguenza, tra l’altro, è che dal punto di vista aritmetico per raggiungere una quota complessiva accettabile bisognerebbe inserire tanti eventi. Anche questa situazione è da evitare assolutamente.

Non “categorizzare” gli eventi: estensione del punto 2 sull’importanza della conoscenza degli eventi che si pronosticano. E’ un errore non identificare la schedina in una determinata categoria. Noi consigliamo di prepararne a priori quattro, così da avere un quadro ancora più completo di ciò che si andrà a giocare: partite sicure, value bet, partite sicure ma con quote bassissime e partite rischiose.

Fidarsi del primo metodo trovato online: nelle nostre guide su come vincere alle scommesse sportive vi stiamo elencando i metodi che, secondo noi, sono più affidabili. Ribadiamo che non garantiamo vincite sicure al 100%, nessuno è in grado di farlo: occhio quindi a pseudo santoni e millantatori del web.

Sfrutta questi consigli su Invictus, dove puoi trovare pronostici scientifici. Invictus è il primo algoritmo che ti fornisce pronostici scientifici basati sull’analisi delle scommesse di più di 100.000 tipster in tutto il mondo. Provalo gratis.

 

 

 

 

Tag
Andrea Troccoli

Andrea nasce a Foggia nel 1992, i suoi principali interessi sono sempre stati lo sport, la tecnologia e la finanza. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bologna, si è laureato in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa presso la Sapienza, Roma. Da anni vive a Roma e, come addetto Marketing per Nextwin, può mettere in pratica le conoscenze acquisite e abbinarle alle sue passioni.

  • 1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *