Abbiamo intuito che una delle cose che sfugge alla stragrande maggioranza dei nostri utenti è il concetto di valore. A questo è poi anche connesso lo sfruttamento delle Value Bet, argomento che trattiamo nella seconda parte di questa guida.

Il concetto di Value per lo scommettitore professionista

Se volete realmente capire come vincere una schedina una delle prime cose da fare è individuare le quote che hanno valore, cioè quelle quote che riflettono la reale probabilità che un evento si realizzi. Quante volte vi è capitato di ascoltare frasi del tipo “credo che il Sassuolo sia leggermente sopravvalutato con questa quota” oppure “la quota relativa alla vittoria in casa della Lazio è troppo alta”? Bene, queste affermazioni riflettono esattamente il concetto di valore molto caro allo scommettitore professionista. Prima di applicare uno dei nostri sistemi scommesse vincenti, dunque, è importante che impariate ad individuare il “valore” nelle quote.

Ecco come:

Innanzitutto occorre convertire la quota nella sua probabilità implicita, in questo modo: 1/quota x 100. Ad esempio, per calcolare la probabilità che la partita Manchester City-Leicester finisca con il segno 1 quotato 2.50, faremo la seguente operazione: 1/2.50 = 0,4 (x 100) = 40%. Questo significa che la quota di 2.50 proposta dal bookmaker, riflette una probabilità di vincita del Manchester City pari al 40%.

A questo punto immaginiamo che, dopo aver letto i nostri consigli su come vincere una schedina, abbiate stimato che la vittoria del Manchester sia pari al 50%.  Per calcolare il “valore” della quota (2.50) proposta dal bookmaker non dovete far altro che applicare la seguente formula: 50% x 2.50 – 100% = 25%. Questo significa che il bookmaker ci sta offrendo il 25% del valore sul segno 1. Un’opportunità assolutamente vantaggiosa! Tuttavia, dovete sapere che nessun bookmaker offrirà mai così tanto valore. Infatti, il nostro era solo un esempio per agevolarvi nella comprensione, ma se andate a fare due calcoli, consultando magari il comparatore di quote su Invictus, vi renderete conto che le quote offerte dai bookmaker valgono sempre meno di quanto in realtà dovrebbero.

Questi piccoli calcoli potrebbero risultare ostili per chi sta muovendo i primi passi nel mondo delle scommesse sportive, ma se volete iniziare a giocare come farebbe uno scommettitore professionista per questo vi consigliamo di leggere altri articoli della nostra Guida Scommesse.

Come funziona la Value Bet

Uno scommettitore professionista, nell’ambito dei suoi studi e delle sue analisi, non può prescindere dall’individuare e giocare una Value Bet. Andiamo a scoprire in questa guida cosa significa e come poterla sfruttare, anche grazie all’ausilio dei Value Bet software.

Come più volte sottolineato, alla base di tutti i metodi utilizzati dallo scommettitore professionista c’è la conoscenza, caratteristica fondamentale per stanare una Value Bet, vale a dire un’eventuale sovrastima della quota di un evento da parte dei bookmakers. Il professionista delle scommesse, per capire se ha individuato una Value Bet utilizza la seguente formula matematica:

[percentuale di probabilità X quota]/100

Se il risultato è superiore a 1, allora la ricerca dello scommettitore professionista ha avuto buon esito: siamo in presenza di una Value Bet”. Tenete presente che più il risultato è superiore a 1, più questa sarà redditizia. Di seguito, due esempi pratici.

1) Bayern Monaco-Juventus, segno 1 con quota 1,50: lo scommettitore professionista ipotizza che i tedeschi abbiano il 60% di possibilità di vittoria. Andiamo a utilizzare la formula matematica: (60 X 1,50 ) / 100 = 0,9. In questo caso NON siamo in presenza di una Value Bet.

2) Chelsea-Psg, segno 1 con quota 2,20: lo scommettitore professionista ritiene che gli inglesi abbiano il 50% di possibilità di vittoria. Utilizzando la formula matematica avremo: (50 X 2,20) / 100 = 1,1. A differenza del primo esempio, qui siamo in presenza di una Value Bet.


Scarica l’app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.


Chi scommette con professionalità, tuttavia, è conscio che questi elementi vanno cercati soprattutto in eventi e campionati minori, dove statisticamente è più alta la possibilità che i bookmakers sovrastimino una quota per mancata conoscenza approfondita della situazione attuale delle squadre in questione. Inoltre, si può sempre usufruire della tecnologia ed utilizzare i Value Bet software.

Facendo una rapida ricerca su Google, dopo aver ovviamente compreso pienamente il funzionamento di questo tipo di scommesse, è possibile trovare numerosi Value Bet software, anche gratuiti, che potranno esservi d’aiuto nel piazzare le vostre scommesse.

Ovviamente, giocare una Value Bet non significa vincere sicuramente, ma aumentare l’eventuale guadagno rispetto a una quota standard ed avere forti probabilità di ottenere un saldo attivo nel lungo periodo. Proprio perché occorre ragionare sul lungo termine, è consigliabile giocare non oltre il 5% del proprio bankroll su ogni scommessa di questo tipo, così da compensare le eventuali serie negative. In quest’ultimo caso, mai affannarsi per cercare di recuperare tutto e subito.

Sfrutta questi consigli su Invictus, il primo algoritmo che ti fornisce pronostici scientifici basati sull’analisi delle scommesse di più di 100.000 tipster in tutto il mondo. Provalo gratis.