Dopo la sconfitta nel big match contro il Napoli, Stefano Pioli è intervenuto in conferenza stampa, per parlare della partita. L’allenatore rossonero si è detto dispiaciuto per la sconfitta, arrivata nonostante una partita nel complesso positiva per il Milan, dicendo inoltre di non pensare allo Scudetto (con l’Inter ora distante 9 punti) ma di volersi concentrare sull’arrivo in Champions League. Dopo di lui ha parlato anche Sandro Tonali, uno dei giocatori rossoneri più seguiti, che non sta vivendo la stagione che ci si poteva aspettare da lui.

Pioli
scommesse telegram

Le parole di Stefano Pioli dopo Milan 0-1 Napoli 

Cosa non ha funzionato nel Milan? 

“La squadra era competitiva, nel primo tempo non abbiamo concesso così tanto. Non abbiamo giocato una gran partita a livello tecnico, troppi passaggi sbagliati, poi il gol preso quando stavamo facendo meglio di loro. Si può sbagliare un passaggio a metà campo ma dovevamo essere più veloci a recuperare le posizioni”

Il Milan può pensare ancora allo scudetto? 

“Abbiamo perso un’occasione, poteva essere una settimana eccezionale per noi, stasera non siamo riusciti a ripeterci. Abbiamo fatto una buona gara contro un ottimo avversario. Dobbiamo pensare alla prossima gara contro un avversario forte, poi alla Fiorentina. L’Inter è andata fortissimo dopo l’eliminazione dalla Champions League, noi pensiamo a fare più punti possibili”


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


La tattica con cui avete preparato la partita è stata fallimentare?

“Nella costruzione dovevamo essere più veloci, potevamo attaccare la profondità, è mancata la precisione tecnica ma anche i movimenti. Nel gol preso abbiamo perso una palla dove potevamo gestire meglio la transizione, quando ti manca un po’ di movimento diventa più difficile. La reazione c’è stata, abbiamo avuto una palla gol importante con Leao, il rigore c’era di più rispetto che non c’era. Serviva qualcosa in più, purtroppo non ci siamo riusciti”

Quanto pesano le assenze nel Milan? 

“Quando sono numerose qualcosina perdi, stiamo parlando di giocatori che ci danno una qualità tecnica importante e una presenza comunicativa, abbiamo perso tantissime partite senza centravanti, senza Ibra, Mandzukic e Rebic. La squadra va solo elogiata. Dentro l’area avversaria potevamo fare di più, ma le caratteristiche non si possono cambiare. Pensate all’Inter senza Lukaku, Lautaro e Sanchez, o la Juve senza Ronaldo e Chiesa. Abbiamo giocato a lungo senza Ibra e Rebic eppure siamo lì”

La squadra non era abbastanza compatta in campo, per quale motivo? 

“Non possiamo fare le cose a metà, quando le fai a metà allunghi la squadra e concedi spazi al Napoli. Ci vuole più compattenza, non sempre ci siamo riusciti, non credo per colpa di Calhanoglu. Dovevamo essere più pericolosi nelle uscite”

I prossimi impegni europei 

“L’Europa League è più faticosa della Champions, noi siamo tornati alle tre del mattino venerdì. Volevamo questo percorso, non dò alibi a nessuno, ma è chiaro che sia pesante. Noi siamo partiti da settembre, però quello che conta è il carattere. E’ una sconfitta che ci fa male, siamo secondi in classifica, vorremmo rimanerci anche se non è il nostro obiettivo iniziale. Cerchiamo di recuperare energie e qualche giocatore perché il Manchester United è una squadra molto forte”

Le parole di Sandro Tonali 

Pioli

Quali errori sono stati commessi in campo? 

“Non è la partita che abbiamo preparato e che abbiamo cercato di fare. Loro erano messi bene, dovevamo cercare gli spazi giusti. C’è stato tanto casino e abbiamo creato poche occasioni. Alla prima chiara occasione loro hanno fatto goal. Ora non c’è timore, altrimenti le perderemmo tutte. Bisogna mettere un punto e ripartire. Il quinto posto è ancora lontano, possiamo puntare ancora in altro e non bisogna mollare”

Come valuti la tua prima stagione al Milan fin qui?

“Secondo me sono partito più indietro perché sono partito con difficoltà maggiori. Venivo da un periodo fermo. C’è stato poco riposo e sono partito leggermente indietro. Sapevo che sarebbe stato difficile, ma ora sto seguendo la strada giusta e sto crescendo. Devo cercare di avere la costanza che è difficile trovare”

La fiducia riposta in Tonali per i calci di punizione 

“Sono cose che prepariamo durante la settimana, tutte studiate dal mister e dallo staff. Loro studiano noi e noi studiamo ciò che dicono loro. Quando non c’è Calhanoglu le palle inattive le affidano a me e io cerco di mettere sempre bene la palla in mezzo”.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Pioli
Pioli