Scrivi quello che vuoi cercare

Scommettitore professionista: come funziona la valuebet?

Uno scommettitore professionista, nell’ambito dei suoi studi e delle sue analisi, non può prescindere dall’individuare e giocare una valuebet. Ma cosa si intende nello specifico per valuebet? Andiamo a scoprilo in questa guida.

Come funziona la Value Bet?

Come più volte sottolineato, alla base di tutti i metodi utilizzati dallo scommettitore professionista c’è la conoscenza, caratteristica fondamentale per stanare una “valuebet”, vale a dire un’eventuale sovrastima della quota di un evento da parte dei bookmakers. Il professionista delle scommesse, per capire se ha individuato una “valuebet” utilizza la seguente formula matematica:

valuebet

[percentuale di probabilità X quota]/100

Se il risultato è superiore a 1, allora la ricerca dello scommettitore professionista ha avuto buon esito: siamo in presenza di una “valuebet”. Tenete presente che più il risultato è superiore a 1, più la “valuebet” sarà redditizia. Di seguito, due esempi pratici:

1) Bayern Monaco-Juventus, segno 1 con quota 1,50: lo scommettitore professionista ipotizza che i tedeschi abbiano il 60% di possibilità di vittoria. Andiamo a utilizzare la formula matematica: (60 X 1,50 ) / 100 = 0,9. In questo caso NON siamo in presenza di una “valuebet”.

2) Chelsea-Psg, segno 1 con quota 2,20: lo scommettitore professionista ritiene che gli inglesi abbiano il 50% di possibilità di vittoria. Utilizzando la formula matematica avremo: (50 X 2,20) / 100 = 1,1. A differenza del primo esempio, qui siamo in presenza di una “valuebet”.

Chi scommette con professionalità, tuttavia, è conscio che eventuali “valuebet” vanno cercate soprattutto in eventi e campionati minori, dove statisticamente è più alta la possibilità che i bookmakers sovrastimino una quota per mancata conoscenza approfondita della situazione attuale delle squadre in questione.

Ovviamente, giocare una “valuebet” non significa “vincere sicuramente”, ma aumentare l’eventuale guadagno rispetto a una quota standard ed avere forti probabilità di ottenere un saldo attivo nel lungo periodo. Proprio perché occorre ragionare sul lungo termine, è consigliabile giocare non oltre il 5% del proprio bankroll su ogni scommessa di questo tipo, così da compensare le eventuali serie negative. In quest’ultimo caso, mai affannarsi per cercare di recuperare tutto e subito: scovare “valuebet” non è mai facile e raramente, all’interno di una stessa giornata, è possibile reperirne diverse. Lo scommettitore professionista lo sa bene!

Sfrutta questi consigli su Invictus, il primo algoritmo che ti fornisce pronostici scientifici basati sull’analisi delle scommesse di più di 100.000 tipster in tutto il mondo. Provalo gratis.

Tag
Andrea Troccoli

Andrea nasce a Foggia nel 1992, i suoi principali interessi sono sempre stati lo sport, la tecnologia e la finanza. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bologna, si è laureato in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa presso la Sapienza, Roma. Da anni vive a Roma e, come addetto Marketing per Nextwin, può mettere in pratica le conoscenze acquisite e abbinarle alle sue passioni.

  • 1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *