Il momento che sta vivendo la Juventus non è certo dei più felici. Già nel corso della stagione la squadra di Maurizio Sarri non aveva impressionato per il gioco mostrato, rimanendo in vetta alla classifica della Serie A, ma ad un solo punto di vantaggio dalla Lazio, che era riuscita a battere la Juventus due volte di fila, in campionato e in Supercoppa Italiana. Anche in Champions League la Vecchia Signora non può sorridere dato che, prima della sosta forzata, aveva rimediato una sorprendente sconfitta per 1-0 dal Lione, nell’andata degli ottavi di finale. Anche la Coppa Italia è un obiettivo ormai sfumato, e per Sarri non rimane che impiegare tutte le forze nel campionato, in attesa di giocare le final eight di Champions League ad agosto.
Stasera la Juventus scenderà in campo sul campo del Bologna di Sinisa Mihajlovic, dovendo trovare assolutamente i tre punti, per scongiurare qualsiasi rischio di sorpasso da parte della Lazio. Prima del match, Maurizio Sarri ha parlato ai microfoni di Sky (le normali conferenze stampa non sono più previste), facendo chiarezza sulla situazione della Juventus, e sui problemi di cui si era parlato negli ultimi giorni.

Sarri
scommesse telegram

Sul litigio tra Sarri e Pjanic

“Quella del nostro litigio è una grande bugia. E’ tra i tre giocatori che ho impiegato di più, è un giocatore a cui sono molto vicino e a cui devo rifarmi perché ha un ruolo importantissimo nel centrocampo a tre”

Come ha affrontato la sconfitta in Coppa Italia?

“E’ chiaro che perdere un trofeo è un qualcosa di pesanti per tutti, perché crea amarezza e delusione. Però la situazione è questa, dobbiamo voltare pagina e pensare alle prossime partite. Dobbiamo pensare subito al prossimo obiettivo. Ho chiesto alla squadra di non farsi influenzare da niente, dato che in questo momento si sta dicendo di tutto su di noi. Senza stare a massacrarsi su un qualcosa che non possiamo rigiocare. Quindi è inutile massacrarsi. Siamo in un post preparazione, con tutte le difficoltà che ne conseguono. E’ chiaro che nell’immaginario collettivo queste sono partite importanti in cui cura il risultato. Però noi siamo in un post preparazione e speriamo di migliorare velocemente, nei prossimi dieci giorni sia dal punto di vista fisico che mentale e di tornare alle prestazioni normali” 

La discussione tra Sarri e Cristiano Ronaldo

Sarri Juventus

“Abbiamo parlato prima della partita contro il Milan e prima della finale di Coppa Italia, abbiamo riparlato ieri. E’ chiaro che è un ragazzo che ha fatto più di 700 goal partendo defilato. E’ chiaro che la sua preferenza è quella e credo sia la normalità. Con il Milan abbiamo scelto una soluzione e in finale di Coppa Italia ho chiamato che avevo scelto di fare giocare davanti e ho parlato con loro di quello che dovevamo fare in campo. E poi analizzando con loro hanno deciso di partire con la soluzione di Dybala centrale. Penso sia nell’assoluta normalità di un confronto prima di una partita importante. Ieri ho parlato da solo con Cristiano e a lungo perché non si deve scalfire a livello di fiducia. Io spero che da domani, o al massimo tra una settimana, torni ad essere il giocatore straordinario di sempre. Sta semplicemente attraversando un momento fisico difficile, ma è anche normale dopo tre mesi di stop forzato” 


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Qual è la condizione fisica della Juventus?

“Se stai fermo per 60/70 giorni è chiaro che devi reimpostare una preparazione fisica. Ed è altrettanto chiaro che lavorando per 20/25 giorni in maniera pesante la brillantezza fisica non può essere massimale in questo momento. Quindi il problema della tenuta e il problema delle accelerazioni possono venire fuori in un momento come questo. Non è neanche un momento normale, è un momento atipico perché una situazione in cui non ci sono precedenti e ti ritrovi a giocare le partite importanti senza neanche un’amichevole. E’ tutto molto nuovo e la mancanza di esperienza ce lo rendeva più difficile. Può darsi siano stati commessi degli errori come può darsi che questa sia una fase transitoria normale”

I problemi della Juventus in fase offensiva

“Penso che sia un problema di brillantezza generale perché riusciamo ad imporre una buona mole di gioco, ma poi non riusciamo ad essere pericolosi. E questo mi lascia pensare che la squadra sia deficitaria di brillantezza in questo momento e quindi non riesce ad uscire dalle situazioni complicate. Però penso faccia parte del momento. Noi dobbiamo migliorare dal punto di vista del gioco. Poi il problema del goal lo miglioreremo, è una logica conseguenza. Non posso pensare che questa squadra possa avere un lungo periodo con la difficoltà di segnare visto i giocatori che la compongono. Quindi penso che sia più utile concentrarci sul futuro e non pensare a quanto fatto”

Sulla partita contro il Bologna

“Le insidie sono in tutte le partite. E’ chiaro che particolarmente pericolose siano le prime partite perché ancora non ci sono risposte delle squadre. Questo è un momento  particolarmente delicato in cui tutte le partite possono essere un’insidia. Il Bologna è una squadra che quest’anno sta facendo molto bene, gioca un buon calcio ed è pericolosa sia quando attacca, ma anche quando gioca in ripartenza. Noi la dobbiamo tenere in grande considerazione e fare una partita importante, sperando di salire di livello e facendo una partita accorta”

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Sarri
Sarri