Dopo un silenzio stampa durante il periodo di lockdown, Roger Federer è tornato a parlare. Lo svizzero ha passato la quarantena con la sua famiglia in Svizzera, allenandosi fisicamente ma mai sul campo da tennis, anche a causa di un infortunio al ginocchio. Federer è stato infatti costretto ad operarsi nuovamente per superare il problema al ginocchio, che lo costringerà a rimanere fermo per il resto dell’anno, con l’obiettivo di tornare competitivo nel 2021. Tra i tanti temi affrontati, c’è anche il grande obiettivo delle Olimpiadi di Tokyo 2021, con l’elvetico che avrà l’ultima possibilità per vincere la medaglia d’oro, l’unico grande trofeo che manca nella sua incredibile bacheca.

Federer
Federer

Le parole di Roger Federer dopo la seconda operazione al ginocchio

“Il ginocchio sta bene. O per lo meno, sta bene per quanto possa andare ora dopo la seconda operazione in un anno. Ovviamente ero triste quando sono dovuto andare sotto i ferri per la prima volta. E’ stata una mia decisione, dopo il match di esibizione in Sudafrica. Non ero soddisfatto per come andava il ginocchio da tempo e qualcosa andava fatto. La seconda operazione sfortunatamente si è resa necessaria. L’obiettivo è essere al massimo della forma all’inizio del prossimo anno. Ci sarà un blocco di 20 settimane di allenamento sia fisico che con la racchetta. Sarà una strada lunga ma non vedo l’ora di essere di nuovo al 100%. Negli ultimi tempi non mi sono praticamente mai allenato, ho solo palleggiato un po’ contro il muro ma niente più di questo. Potrei tornare in campo in tempi brevi, ma non ho fretta, ho fissato l’obiettivo al 2021”


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Un pensiero alla ripartenza del tennis con lo US Open

“Per il tennis non sarà facile ripartire, la situazione nei vari paesi è complicata, ma una speranza ovviamente c’è. Se il tennis ripartirà sarà con gli US Open. Lì capiremo cosa potrebbe succedere. Ho parlato con gli organizzatori di recente e mi hanno detto che prenderanno una decisione dopo la metà di agosto. Sarà interessante. Non sarà comunque lo stesso senza pubblico, ma dobbiamo ricominciare prima o poi. Il Roland Garros ha annunciato che ci saranno almeno metà degli spettatori. Questo è incredibile ma anche positivo. Viviamo in settimane e mesi molto incerti per il tennis. Ma spero che tutto tornerà come prima ad un certo punto”

Roger Federer racconta il suo lockdown

Federer

“E’ stato un periodo difficile per tutti, ma so di non potermi lamentare perché sono un privilegiato. Per la prima volta negli ultimi vent’anni sono stato nello stesso posto per cinque o sei settimane. Naturalmente l’ho apprezzato. Siamo stati molto attenti e non ho visto i miei genitori e amici per un sacco di tempo. Abbiamo preso tutto molto seriamente. Per questo non ho rilasciato nessuna intervista. Quando si ha un infortunio non si può fare molto comunque, a parte rimanere rilassati a casa. Non c’è lo stress della competizione e si è molto tranquilli. Niente fatica da viaggio e jet leg. Ci si può godere la famiglia. In casa ormai siamo tanti. I bambini stanno benissimo, corrono dappertutto. I ragazzi hanno sei anni, le ragazze undici. Devo dire che se la sono cavata bene durante il lockdown. Gli è dispiaciuto solo che da un giorno all’altro abbiano fermato lo ski-lift e non potessero più sciare. Così abbiamo dovuto pianificare delle attività estive. Fortunatamente il tempo è stato buono e potevamo correre e andare in bici. In realtà gli sport di resistenza non fanno per me. Il nuoto mi annoia un po’, così come andare in bici. Ma è stato comunque importante per mantenermi attivo in questo periodo di quarantena”

Federer sta pensando al ritiro?

“So di essere più vicino alla fine della mia carriera che all’inizio. Non so cosa succederà nei prossimi due anni. Per questo pianifico un anno alla volta. Lo faccio insieme a Mirka, tenendo in conto la mia famiglia, la mia carriera e la mia salute. Al momento mi diverto ancora a giocare e saprò rendermi conto quando il motore smette di girare e il fiato comincia a mancare troppo presto. In questi mesi ho parlato molto con il mio preparatore atletico, riguardo alla mia determinazione sul rimettermi in forma per tornare ad essere competitivo nel 2021. Lui mi ha detto: ‘guarda che sarà molto lunga’. E io: ‘Lo so, ma voglio comunque farlo’. Mi sono detto che preferisco fare il lavoro fisico ora che sono attivo piuttosto che dopo. Perché ora ho un obiettivo di fronte a me. Voglio vivere qualche altro anno ad alti livelli prima di dire addio”

Federer e l’obiettivo della medaglia d’oro a Tokyo 2021

“Non posso negare che la medaglia d’oro sia un grande obiettivo per me, altrimenti non parteciperei nemmeno alle Olimpiadi. Certamente tutto è possibile. Penso di avere ancora delle possibilità per vincere il torneo in singolare. Nell’arco di una stagione per me essere ancora il numero 1 sarà difficile, ma in un singolo torneo tutto può succedere”

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Federer
Federer