fbpx

Scrivi quello che vuoi cercare

pronostici sulla Serie C coinvolgono ogni domenica migliaia di tifosi e scommettitori del tanto caro calcio di provincia italiano. Chiunque sia andato allo stadio per vedere una partita dell’ex Lega Pro, sa bene quanto possano essere imprevedibili questi eventi.

Serie C, il calcio di “provincia” che rappresenta tutta Italia

Per molte piccole città e paesi italiani, la Serie C non è soltanto una realtà, ma un modo di vivere il calcio con odori e sapori “vecchia scuola”; tifoserie calde, gradinate festanti e centinaia di tifosi che hanno scelto di dedicare la propria vita alla causa della loro squadra, si ritrovano ogni domenica in stadi non proprio avvenieristici, ma non per questo meno colorati e rumorosi.

Il fascino della Serie C è dato anche dalla moltitudine di derby che vedono sfidarsi squadre della stessa regione, spesso della stessa provincia o città, rendendo viva quella sana rivalità che caratterizza il cosiddetto “calcio di provincia”, in cui anche una partita è pretesto per fare festa ed avere una rivincita sportiva agli occhi del “calcio che conta”; arrivare in Serie B o vincere un derby in maniera schiacciante è motivo di vanto per un paese intero e la sua devota tifoseria, che, pur negli esigui budget della Serie C, non manca mai di far sentire il suo calore anche nelle trasferte.

Negli ultimi anni la Serie C ha vissuto un’impennata di ascolti anche grazie ai servizi streaming che, prima gratuitamente, poi in Pay-Per-View, hanno dato la possibilità agli appassionati di seguire le squadre ogni settimana direttamente da casa e di conseguenza anche le scommesse e l’attenzione dei giocatori sulla Serie C è aumentata notevolmente.

Come è cambiata la Serie C, dagli albori ai giorni nostri

Dalla riforma dei campionati successiva al 1929, nasce ufficialmente la Serie C nel 1935 composta da 4 gironi di 16 squadre, che seguivano un ordine strettamente geografico. La categoria ha subito numerosi cambiamenti, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale; infatti prima il numero di gironi venne aumentato, poi addirittura tutte le squadre vennero accorpate in un unico girone, fino ad arrivare alla famosa suddivisione in Serie C1 e Serie C2 avvenuta nel 1978.

La serie C1 era composta da due gironi, mentre la C2 da quattro gironi. E’ proprio con questa denominazione che la categoria è entrata nei cuori e nell’immaginario calcistico dei tifosi. Questo è il motivo per cui lo stesso Consiglio Federale della FIGC ha deciso di riportare il nome a Serie C, revocando la denominazione più recente di Lega Pro.

In 58 edizioni totali della terza categoria professionistica di calcio, sono 329 la squadre che hanno almeno una volta calcato il terreno di gioco da professionisti: il maggior numero di apparizioni appartiene al Lecce con 35, seguito da Piacenza, Cosenza, Siracusa, Cremonese, Empoli, Prato, Treviso e Salernitana. Il record di vittorie appartiene al Prato, con sei.

Le ultime edizioni della Serie C e la cavalcata fino alla Serie A

L’edizione 2017/2018 della Serie C ha visto tre squadre promosse in Serie B: Lecce, Livorno e Padova, che hanno preso il posto di Virtus Entella, Novara, Pro Vercelli, Ternana e Cesena.

E’ curioso notare come alcune squadre, alcune di indubbio valore, altre trasformando le loro stagioni in un vero e proprio miracolo sportivo, abbiano fatto il doppio salto dalla Serie C alla Serie A in soli due anni. E’ il caso, ad esempio, della SPAL, del Treviso, del Genoa, del Cesena e del Novara ( solo considerando i dati dei campionati più recenti ), oltre al Napoli ed alla Fiorentina che ormai sono di diritto ritornate nel calcio che conta, dopo aver compiuto la scalata alla Serie A nel minor tempo possibile.

Le statistiche delle ultime edizioni in Serie C, i mercati principali

La Serie C è un torneo in cui la conoscenza specifica delle squadre e del loro valore è di fondamentale importanza; per il poco spazio che i club trovano sui media nazionali, non sono tantissimi i metodi per individuare le società potenzialmente vincenti ed il gap che le divide dalle altre, se non analizzare minuziosamente i dati e basarsi sull’importanza del pubblico di casa e sulla storia del club.

Per aiutarvi a piazzare al meglio le vostre scommesse, riportiamo in seguito un po’ di dati significativi delle ultime stagioni:

● Under 2,5 è il mercato preponderante, sia basandosi sulle ultime cinque partite che in generale riguardo tutta la stagione.
● Nei primi tempi, il 43% delle volte si è chiuso con un pareggio. In totale il 16% dei match si sono conclusi in pareggio anche nel secondo tempo.
● Il risultato più comune è 1-0, seguito da 1-1
● Soltanto il 29% dei team ospiti sono riusciti a vincere fuori dalle mura amiche
● I mercati GG/NG quasi si equivalgono durante tutta la stagione (53 % – 47 %)

I mercati su cui puntare in Serie C

Non si segna tanto – Le statistiche ci dicono che le partite di Serie C sono sempre in bilico, ma anche che le squadre non segnano tanto: il mercato No Goal è quello su cui puntare maggiormente
Organico e società – Non è una regola stabilita, ma molte società che partecipano alla Serie C hanno un organico ed una storia sicuramente di livello superiore; individuatele e scommettete sulle loro chance di vittoria.
Pareggio 1° Tempo – Abbiamo visto che non sono tanti i goal in Serie C e le squadre tendono a studiarsi a lungo prima di affondare il colpo.

Puntare sui match di Serie C, il nostro parere

Per puntare sulle partite della Serie C italiana, non solo c’è bisogno di una grandissima cultura calcistica, ma bisogna prendere in considerazione molti fattori variabili di anno in anno, come ad esempio gli organici delle squadre che il più delle volte sono formati da giovani appena approdati al calcio professionistico. Non tutti riescono a seguire al 100% le vicessitudini della Serie C, per cui consigliamo, se volete piazzare una scommessa quanto più accurata, di analizzare le partite, statistiche e dati, giornata dopo giornata.

Sfrutta questi consigli su Invictus, un algoritmo dall’iscrizione gratuita che fornisce pronostici scientifici sicuri all’80%. Sulla piattaforma potrai trovare anche altre statistiche e i migliori pronostici di oltre 100.000 scommettitori di tutto il mondo. Provalo gratis.

Tag
Andrea Troccoli

Andrea nasce a Foggia nel 1992, i suoi principali interessi sono sempre stati lo sport, la tecnologia e la finanza. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bologna, si è laureato in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa presso la Sapienza, Roma. Da anni vive a Roma e, come addetto Marketing per Nextwin, può mettere in pratica le conoscenze acquisite e abbinarle alle sue passioni.

  • 1

Potrebbe piacerti anche