Stasera si chiude la 24a giornata di Seria A, con il match tra Milan Torino. La squadra di Stefano Pioli vuole tornare a vincere per sperare nella qualificazione alla prossima Europa League. I granata invece, con il nuovo tecnico Moreno Longo, devono riprendersi dopo un periodo buio, con sconfitte pesantissime.

Milan
Milan

Milan-Torino, le probabili formazioni

Questa sera alle ore 20.45 si chiude la 24ª giornata di serie A, con il Milan che sfida il Torino a San Siro.
Due squadre che si aspettavano certamente un altro tipo di campionato e che cercheranno punti per muovere la classifica e risollevare il morale. Sicuramente delle due sta messo meglio il Milan, almeno sul livello del gioco, la mano di Pioli comincia a vedersi , mentre il Torino ha subito 18 gol nelle ultime quattro partite, che hanno portato Urbano Cairo ad esonerare Walter Mazzarri e chiamare Moreno Longo.

Pioli decide di schierare il suo Milan con il modulo 4-4-1-1 con Donnarumma tra i pali, difesa con Calabria sulla destra che rientra dalla squalifica, centrali ancora il capitano Romagnoli e Simon Kjaer, mentre a sinistra non può non esserci Theo Hernandez, sicuramente uno dei giocatori più importanti per i rossoneri. Centrali di centrocampo agiranno ancora Bennacer in cabina di regia, con Frank Kessie al suo fianco, sulle ali agiranno a sinistra Ante Rebic e a destra Samu Castillejo. Alle spalle dell’unica punta che sarà ovviamente Zlatan Ibrahimovic, agirà Hakan Calhanoglu, che pare rinato ultimamente da quando è arrivato il tecnico emiliano.


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Il tecnico del Torino, Longo, manderà in campo i suoi granata con il modulo 3-5-2. In porta non può mancare Salvatore Sirigu, l’unico che si sta salvando in questo momento così delicato del Toro, il terzetto di difesa dovrebbe essere composto da Bremer, autore di una doppietta a San Siro proprio contro il Milan poche settimane fa, in occasione dei quarti di finale di Coppa Italia, Nkoulou e Lyanco, che sostituirà lo squalificato Izzo. A fare da schermo davanti alla difesa ci saranno Lukic, Thomas Rincon e Daniele Baselli. Sulle fasce ci saranno sicuramente Lorenzo De Silvestri e Christian Ansaldi, mentre in attacco sicuramente ci sarà il capitano Belotti. Sta a lui trascinare la squadra fuori dalle sabbie mobili, al fianco del capitano aperto il ballottaggio tra Berenguer e Verdi, con il primo leggermente favorito.

Le parole di Stefano Pioli e Moreno Longo

Milan Torino Longo Pioli

Il nuovo allenatore del Torino, Moreno Longo

In conferenza stampa hanno parlato i due mister. Cominciamo dall’allenatore del Milan, Stefano Pioli:

Ibra non parla mai a caso, mi ha detto di fidarmi e sta rispettando la sua parola. Sta bene, noi dobbiamo avere sempre la sua faccia perché nel derby sono bastati tre minuti per cambiare la partita e perderla. Il campionato è ancora lungo, dobbiamo evitare di fare un campionato anonimo. Le voci sul mio futuro penso siano normali, siamo in un grande club e siamo tutti in discussione. È logico che tutti sognano di sedere sulla panchina del Milan, nessuno è da meno. Io comunque sento la fiducia della società, ma questa fiducia so di dovermela conquistare ogni singolo giorno con il lavoro e con il risultato sul campo, sono concentrato sul momento e non penso al futuro.

Le prossime partite sono importantissime, ora testa al Torino, proseguiamo passo dopo passo. Bisogna tenere alta la concentrazione, è un campionato molto difficile, le medie-piccole hanno alzato il livello,15 partite sono tante ma passeranno velocemente,non dobbiamo mollare niente perché la squadra non può permettersi cali di concentrazione proprio ora che stiamo sentendo sensazioni positive. Contro la juve abbiamo fatto una grande gara, giocando con intensità e generosità possiamo fare bene. Il Milan si deve preparare bene alla partita e deve consolidare quelle situazioni che ci hanno permesso di giocare due grandi partite contro le migliori squadre del campionato. Chiaro che se il campionato finisse oggi non saremmo soddisfatti della classifica”

Ecco le parole anche del tecnico del Torino, Moreno Longo:

La squadra deve ritrovare le sue certezze, dati alla mano c’è sempre un netto calo nella ripresa, ho aumentato l’intensità degli allenamenti proprio per questo. Verdi ha un po’ di influenza deciderò qualche ora prima se sarà della partita o no, se non ci sarà saprò come sostituirlo, abbiamo delle valide alternative.
Giocheremo contro una squadra in salute che ha raccolto meno di quanto proposto nelle ultime partite, siamo consapevoli di affrontare un Milan diverso che ha superato i problemi che avevano all’inizio della stagione grazie a pioli e a Ibrahimovic. I ragazzi hanno fatto una presa di coscienza sulla situazione di classifica, io sono giovane ma non sono rimambito, so che la situazione è grave, non vi aspettate che io pensi che il percorso non sarà fatto di battaglie per portare via un punto.

La classifica dice che fino al Sassuolo siamo tutti dentro: questa presa di coscienza serve a noi per farci capire che la bagarre è iniziata e noi dobbiamo rispondere presente. Belotti sta bene, è normale che è difficile esprimersi bene in situazioni come le nostre. È nel giro della nazionale,è tra i primissimi in ambito europeo e non possiamo metterlo in discussione. Mi piace utilizzarlo più vicino alla porta, che faccia movimenti verso la porta. Non è che deve correre di meno,ma correre meglio. Baselli e Zaza stanno meglio, potrei concedere a entrambi uno scampolo o farli partire titolari”

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Milan
Milan