Lewis Hamilton sta vivendo un’altra stagione fantastica. Nonostante le difficoltà legate alla pandemia di Covid-19, il pilota inglese sta dominando il Mondiale, lasciando pochissime speranze ai suoi avversari. In un’intervista rilasciata a Sky Sport, il sei volte campione del mondo ha parlato della stagione in corso e del record di vittorie di Michael Schumacher, lontano solo due Gran Premi. Hamilton ha inoltre dichiarato ancora una volta di essere un grande tifoso della Ferrari, sicuramente la scuderia più importante nella storia della Formula 1.

Hamilton
Hamilton

Il rapporto tra Lewis Hamilton e la Ferrari

“Non è mai stato un segreto, sono sempre stato un grande tifoso della Ferrari. Ho delle Ferrari a casa che adoro, mi piacciono tantissimo. Naturalmente quando sei in Formula 1 e vedi determinate cose, possono farti cambiare alcune idee. La Ferrari resta comunque un brand incredibile, quando vieni in Italia e vedi questi tifosi, capisci perché la Ferrari ha tanto fascino. La Rossa ha tifosi in tutto il mondo, per questo motivo è così importante per la Formula 1. Spero, prima che finisca la mia carriera, che possa lottare ancora con la Ferrari. Le gare che abbiamo vinto lo scorso anno contro Vettel e Leclerc erano state molto divertenti. Spero di poter tornare a lottare con loro, prima di smettere”

 

Hamilton parla del record di vittorie di Michael Schumacher quasi raggiunto 

“Non mi sembra vero. E’ davvero difficile, mai avrei pensato qualche anno fa che fosse possibile batterlo. Ora che sono incredibilmente vicino, è davvero molto strano”

Un’opinione sul Mondiale 2020

“Quella che stiamo vivendo è una stagione incredibile, diversa da tutte le altre. Siamo andati in Australia e non abbiamo corso, c’è stato il lockdown e ora siamo in pista con una stagione molto intensa. E’ una sfida differente. Non ci sono i tifosi, l’atmosfera è diversa ma si tratta sempre di corse. Mi mancano i tifosi, specialmente qui in Italia: vedere i fans giù dal podio è magico”


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Si sta facendo abbastanza per combattere il razzismo? 

“no, solo quando i movimenti hanno cominciato a muoversi e ad alzare un po’ la voce contro il razzismo, solo allora c’è stata una presa di coscienza generale. Tanta gente ha dato la propria vita per cambiare qualcosa nel passato, come Martin Luther King, ora è vergognoso che dopo diversi anni stiamo lottando ancora per la stessa cosa. Ci sono state tante reazioni positive nel mondo, marce e proteste che hanno dato voce e hanno fatto ragionare tante persone su questo argomento. C’è ancora tanto da fare però. I leader mondiali  sono a conoscenza del problema e dovrebbero esporsi per tenere unita la gente, invece alimentano il fuoco: siamo tutti della stessa razza. Per quanto riguarda la F1, non è cambiato nulla. Sono molto orgoglioso del mio team. Forse perché io sono qui, ma abbiamo deciso insieme di fare qualcosa sui termini da utilizzare e come lottare su questo argomento, per questo abbiamo dipinto le vetture di nero. L’unico altro team in cui ho visto volontà di cambiare è la Red Bull, per il resto non ci sono state manifestazioni chiare e questo mi delude. Noi siamo fonte di ispirazione, magari lo faranno gradualmente, spero che lo faranno tutte le marche più famose, come la Ferrari. Se mi sento solo nelle mie battaglie? Sì, sicuramente. Ci sono persone ancora a casa in lockdown. Sono una persona che ama interagire, che adora il rapporto con i tifosi. Ne prendo spunto ed energia. Di solito viaggiamo e facciamo tante iniziative con loro, oggi con il Covid corriamo e torniamo a casa. Non mi piace molto, ma è un sacrificio per vincere il Mondiale.  Stiamo in una ‘bolla’ e per questo mi piace interagire con i social, lo faccio per poter parlare con i miei tifosi e non solo”. 

Hamilton

Sulle aspettative di questa stagione

“Non avevo aspettative, se non quella solita che tutti avrebbero spinto al massimo per migliorarsi in ogni settore e per avvicinarsi a noi. Io ero concentrato come sempre, per fare meglio e il mio obiettivo era quello. Non pensavo che avremmo battagliato con Red Bull e non Ferrari, anche se avevo avuto una sensazione dal finale dello scorso anno. Ma la Red Bull è vicina a noi, speravo che le gare fossero combattute”.

Hamilton rimarrà in Mercedes anche nel 2021? 

“E’ presto per dirlo, mi piacerebbe. Mi piace molto stare in Mercedes, lavoro bene con il team e con Toto, c’è grande collaborazione anche dietro le quinte, non solo a livello di pista ma anche su marketing e sponsor. Insieme siamo una grande squadra, ora siamo concentrati per vincere un altro Mondiale. Non c’è limite per quello che possiamo fare insieme. Ma spero di restare in Mercedes”.

Il futuro di Hamilton è legato a quello di Toto Wolff? 

“Non è legato a quello di Toto. Lavoriamo bene insieme, ma ci sono stati in passato altri episodi. Qualche anno fa il mio ingegnere andò in Ferrari, ci furono cambiamenti all’interno del team, ma bisogna sempre fare quello che uno pensa essere il meglio per sè. Toto continuerà a fare il meglio per il team nei prossimi anni”.

Il paragone con i più grandi piloti della Formula 1

“Non ho mai comparato me stesso agli altri. Siamo tutti diversi l’uno dall’altro. E’ un onore essere paragonato ai più grandi, sono cresciuto guardandoli in televisione, erano i miei idoli. E’ incredibile essere avvicinato a loro. Un giorno speravo di incontrare questi piloti, oggi sono al loro fianco. Questo è uno sport di squadra però, ci sono tantissime persone coinvolte”.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Hamilton
Hamilton