La quinta giornata di Champions League si è rivelata positiva per le italiane, con Juventus, Lazio ed Inter che hanno trovato la vittoria. Fondamentali i tre punti per i nerazzurri, che volano grazie a Lukaku e ora sperano in un miracolo per arrivare agli ottavi. Bene anche la Lazio di Simone Inzaghi guidata dal bomber Ciro Immobile, sempre più vicino al record di Silvio Piola in biancoceleste. Delude invece l’Atalanta che trova solo un pareggio nella facile (almeno sulla carta) sfida contro il Midtjylland.

Inter
scommesse telegram

Voto 10 al poker di Olivier Giroud

Per molti era un giocatore finito, inutile, ma Olivier Giroud ha dimostrato ancora una volta il suo valore. Il francese è diventato il primo giocatore nella storia del Chelsea a segnare quattro goal in una partita di Champions League, ed il primo a farlo in generale dal 2010. Dieci anni fa fu Frank Lampard, ora allenatore dei Blues, a realizzare il poker, in una sfida di campionato contro l’Aston Villa. Grazie alla splendida prestazione di Giroud, il Chelsea vola agli ottavi di finale da prima in classifica nel girone E. Touché.

Voto 9 a Neymar che trascina il PSG contro il Manchester United

Era una sfida fondamentale quella tra Manchester United e Paris Saint Germain. I francesi, finalisti nell’ultima edizione di Champions League, rischiavano di salutare la più grande competizione europea prima del tempo. Il Paris Saint Germain è invece uscito dall’Old Trafford con una vittoria importantissima, grazie alla doppietta di Neymar, vero leader di questa squadra. Ora ai francesi non resta che vincere contro un Basaksehir ultimo in classifica, attendendo le sorti dello spareggio tra Manchester United e Lipsia.


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Voto 8 alla crescita di Romelu Lukaku

Nella partita decisiva contro il Borussia Mönchengladbach, l’Inter ha portato a casa i tre punti, con molti rischi. All’ultimo minuto infatti i tedeschi avevano trovato il goal del pareggio, poi annullato per un fuorigioco. I nerazzurri continuano a non convincere del tutto, ma quel che è certo è che Romelu Lukaku ha fatto un enorme salto di qualità, diventando uno dei calciatori più decisivi in Europa. Non solo goal, perché il centravanti belga crea gioco per i compagni, con sponde perfette e tempi giusti. Una crescita costante e impressionante, con cui Lukaku può rispondere a chi lo aveva criticato dopo il suo arrivo in Italia.

Voto 7 alla Lazio che meritava di più contro il Borussia Dortmund

Inter Lazio Una Lazio stoica quella di Simone Inzaghi. Fino ad ora è una delle pochissime squadre ancora imbattute in questa edizione della Champions League, nonostante le tantissime assenze al quale i biancocelesti hanno dovuto far fronte nelle trasferte di Brugge e San Pietroburgo. Contro il Borussia Dortmund, in trasferta, la Lazio è uscita con un pareggio che non cambia la classifica ma alza il morale di tutta la squadra. Simone Inzaghi, nonostante qualche rimpianto confermato dallo stesso allenatore, può ritenersi piuttosto soddisfatto di questo cammino europeo, con la Lazio che ora ha due risultati su tre nell’ultima partita del girone.

Voto 4 all’Atalanta che spreca un’occasione

L’Atalanta aveva un’occasione d’oro contro il Midtjylland per superare l’Ajax in classifica e giocare con più sicurezza l’ultima sfida contro gli olandesi. I bergamaschi impattano sui danesi per 1-1, buttando al vento un’occasione d’oro e mettendo a rischio il passaggio del turno. Giocare contro un Ajax motivato, in un momento in cui i ragazzi di Gasperini non sono al 100% non sarà facile, e la prossima settimana ci aspetta un vero thriller.

Voto 3 al Real Madrid che rovina tutto con un’altra sconfitta

Dopo le due vittorie contro l’Inter, il Real Madrid incappa in un’altra clamorosa sconfitta contro lo Shakthar, confermando il risultato dell’andata. Una sconfitta che complica il passaggio del turno, comunque molto probabile, e che mette ancora in discussione la posizione di Zinedine Zidane, forse meno dentro il progetto di quanto si potesse pensare. I 13 volte campioni europei rischiano di lasciare la Champions League troppo presto, in una stagione che si sta rivelando disastrosa. Serve un cambio di passo immediato, altrimenti Zidane potrebbe salutare davvero.

Voto 2 alla pessima figura del Siviglia contro il Chelsea

Quello con il Chelsea era uno spareggio per il primo posto, ma gli andalusi hanno chiuso il match con un passivo di quattro goal subiti e zero realizzati. Una sconfitta davvero inaspettata, con questo distacco, che ridimensiona il Siviglia, fresco vincitore dell’ennesima Europa League. Lopetegui continua a dimostrare alterne capacità sulla panchina spagnola, e la società sta cercando di capire se si può realmente puntare sull’ex Real Madrid o se servirà un altro cambio. Dopo Emery, sembrava proprio lui il giusto erede, ma forse il Siviglia dovrà ricredersi.

Voto 1 allo Zenit, che da testa di serie finisce ultimo nel girone di Lazio e Borussia Dortmund

Nonostante lo Zenit San Pietroburgo partisse come testa di serie nel Girone F, attualmente occupa l’ultimo posto con un solo punto ottenuto. Punto arrivato grazie ad un pareggio contro una Lazio in grande difficoltà e senza molti dei suoi titolari, peraltro in casa. Una vera delusione per una squadra che partiva con molte più ambizioni, nonostante un girone difficile, e che non riuscirà nemmeno a rientrare tra le retrocesse in Europa League.

Voto 0 alla fase difensiva del Ferencvaros

La differenza con le rivali europee è netta, ma i numeri sono comunque incredibili. Dopo la sconfitta per 3-0 arrivata contro un Barcellona pieno zeppo di riserve, il Ferencvaros arriva a 16 goal subiti in cinque partite, cifra davvero non all’altezza di una coppa importante come questa.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Inter
Inter