Eccovi la moviola tratta dal Blog di Luca Marelli, ex arbitro professionista, sulle partite del 34° turno di Serie A. Abbiamo scelto di prendere in considerazione l’opinione di Luca Marelli data la sua grande attendibilità e la sua capacità di spiegare bene i punti più controversi del regolamento

Moviola
scommesse telegram

Moviola Cagliari-Sassuolo 1-1, arbitro Ayroldi

Per l’arbitro pugliese, questa è solo la seconda presenza in Serie A. Ayroldi dirige perfettamente la gara, aiutato anche dalla sportività di Cagliari e Sassuolo, e dall’assenza di episodi discutibili. Il direttore di gara si candida così per un posto in Serie A il prossimo anno, e dati i buoni risultati che sta ottenendo, una promozione sarebbe del tutto meritata.

Moviola Verona-Atalanta 1-1, arbitro Abisso

Una partita tranquilla per l’arbitro palermitano. Nonostante le ultime prestazioni di Abisso non abbiano convinto del tutto, Rizzoli gli affida una gara dal coefficiente di difficoltà non così basso. La Il match tra Verona e Atalanta regala pochi episodi degni di nota, permettendo così ad Abisso di gestire il tutto senza troppi problemi, mostrando i grandi miglioramenti dell’arbitro nelle ultime gare. Spesso Abisso si dimostrava troppo timoroso nel rapporto con i giocatori, mentre nell’ultima partita ha saputo gestire perfettamente le troppe ansie dei giocatori in campo, evitando ogni discussione di troppo. Se continua così, Rizzoli potrà contare su un ottimo arbitro.

Moviola Milan-Bologna 5-1, arbitro Massa

moviola

Immagine presa dal blog di Luca Marelli

Tutto sommato una buona partita per Massa, ma il suo metro di giudizio rimane ancora un’incognita. Nonostante le sue qualità, troppo spesso il direttore di gara si complica la vita con scelte discutibili e ammonizioni esageratamente severe. Probabilmente è questo il motivo che ha spinto Rizzoli ad affidargli una partita sulla carta molto semplice, considerando che il Milan giocava in casa e che il Bologna non punta ad obiettivi particolari.
E’ solo uno l’episodio da rivedere, che potrebbe essere usato come paragone per quanto accaduto in Roma-Inter. Al 49′ minuto, il Milan trova la rete del 3-1, ma il Bologna protesta per un fallo di Kjaer ad inizio azione. La trattenuta del difensore rossonero è netta, e forse troppo prolungata, ma il contatto tra i due giocatori è davvero lieve, e Massa non sbaglia lasciando proseguire il gioco. Il VAR non può intervenire, dato che qui si parla di entità del colpo, e si deve rispettare la decisione dell’arbitro, che inoltre era in ottima posizione per valutare quanto successo.


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Moviola Napoli-Udinese 2-1, arbitro Chiffi

Una gara senza troppe pretese tra Napoli e Udinese. La squadra di Gennaro Gattuso è ormai certo della qualificazione in Europa League, dopo aver vinto la Coppa Italia, mentre la squadra friulana è ormai salva e non rischia la Serie B. L’arbitro Chiffi riesce a gestire bene la situazione in campo, nonostante dal punto di vista caratteriale debba ancora crescere. Sono solo due gli episodi da rivedere in questo match.

moviola

Immagine presa dal blog di Luca Marelli

Al 25′ minuto del primo tempo Dries Mertens è costretto ad uscire dopo aver subito un colpo da Becao, peraltro già ammonito. Il difensore dell’Udinese tocca la schiena di Mertens con il ginocchio, provocando fallo, giustamente punti con un calcio di punizione. E’ altrettanto giusto non punire con una doppia ammonizione Becao che, nonostante sia in ritardo, non commette un fallo abbastanza pericoloso da meritare il rosso. Al minuto 81 è l’Udinese a protestare per un fallo di mano di Kalidou Koulibaly in area di rigore. Il difensore senegalese però, con grande esperienza, si gira di spalle tenendo il braccio sinistro attaccato al resto del corpo. Giusto quindi non fischiare calcio di rigore.

Moviola Brescia-Spal 2-1, arbitro Abbattista

Nonostante l’anno scorso abbia perso la possibilità di fare il passaggio di categoria dalla Serie B alla Serie A in favore di Giua, Rizzoli dà fiducia ad Abbattista per arbitrare una partita tra due squadre già sicure di dover salutare la massima serie dal prossimo anno. Nonostante le poche motivazioni per le due squadre, ci sono alcuni episodi da rivedere.
Al 58′ minuto Reca entra con un tackle durissimo su Skrabb, venendo punito con un cartellino giallo. Il fallo del giocatore della Spal non ha alcun senso, ed è davvero al limite del cartellino rosso. Non espellere Reca non può essere considerato un errore grave per Abbatista, che sceglie di tirare fuori solo il giallo. Come al solito, il VAR non può intervenire perché l’arbitro ha potuto giudicare da solo l’entità dello scontro.

moviola

Immagine presa dal blog di Luca Marelli

A dieci minuti dal finale, Sandro Tonali commette un brutto fallo su Dabo. Il centrocampista tenta di difendere il pallone ma cade a terra, alzando la gamba verso il suo avversario. Quello di Tonali è chiaramente un fallo di reazione, che cerca di colpire con il tacco (in modo molto pericoloso) Dabo, nonostante il pallone stia ormai per uscire. Il centrocampista del Brescia non viene nemmeno ammonito, ma la colpa si può attribuire al VAR, che avrebbe dovuto richiamare il direttore di gara.

Moviola Genoa-Lecce 2-1, arbitro Doveri

moviola

Immagine presa dal blog di Luca Marelli

Doveri è uno degli arbitri più in forma del momento, e per questo Rizzoli sceglie di assegnargli una sfida difficile, che vale per la lotta alla salvezza. L’arbitro se la cava alla grande, nonostante alcune situazioni difficili da giudicare.
Il primo episodio arriva dopo appena quattro minuti, con Babacar che si lancia in profondità ma viene fermato da Zapata. Il Lecce protesta per il mancato fischio, con la regola che prevede un cartellino rosso dato che Babacar si sarebbe trovato a tu per tu con il portiere. Il VAR ci mette pochi secondi a capire che l’attaccante giallorosso ha in realtà simulato, dato che il tocco di Zapata arriva quando il giocatore avversario si era già buttato a terra. Giusto quindi non fischiare.
Al 24′ minuto è ancora il Lecce a chiedere un calcio di rigore per fallo di Barreca su Saponara. Come nell’episodio precedente, l’arbitro non fischia e fa bene. Saponara infatti, si lascia cadere appena sente un leggero tocco, che però non può essere punito con l’assegnazione del penalty.

Moviola Roma-Inter 2-2, arbitro Di Bello

Dopo le polemiche di Lazio-Sassuolo, Rizzoli sceglie di assegnare a Di Bello un’altra partita importante, con una decisione poco condivisibile. Durante tutto il corso del match, il metro di giudizio del direttore di gara è difficile da capire, con Di Bello che inizialmente fischia pochissimi falli, per poi iniziare ad assegnare punizioni a valanga. Anche il VAR ha lasciato a desiderare, con Guida che assume decisioni poco condivisibili.

moviola

Immagine presa dal blog di Luca Marelli

Al 46′ minuto arriva il primo episodio contestato, quando la Roma trova il goal del pareggio. L’azione culminata con il goal di Spinazzola, inizia con un fallo di Kolarov su Lautaro Martinez. Di Bello si trova a tre metri dai due giocatori, e non giudica falloso l’intervento del serbo. Guida tuttavia lo richiama all’on field review, infrangendo clamorosamente il regolamento. Proprio per la sua posizione perfetta, Di Bello ha potuto giudicare perfettamente il presunto fallo, e l’assistente VAR non aveva possibilità di richiamare il direttore di gara, a prescindere dalla chiamata giusta o sbagliata.

moviola

Immagine presa dal blog di Luca Marelli

Nel secondo tempo la Roma protesta per la mancata ammonizione di Barella, che sarebbe stato costretto ad uscire dal campo per somma di cartellini. Il contatto con Veretout è chiaro, ma punire un giocatore per un fallo del genere sarebbe stato a dir poco eccessivo. Per quanto riguarda il rigore concesso all’Inter a due minuti dal termine, c’è poco di cui discutere. Spinazzola liscia completamente il pallone e rifila un calcione a Moses, rendendo il penalty più chiaro che mai.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Moviola
Moviola