Mentre tutto il calcio italiano discute della possibilità di tagliare gli stipendi dei calciatori, la Juventus ha dato l’esempio trova un accordo con i suoi giocatori, a partire dal capitano Giorgio Chiellini. Questo taglio permetterà ai bianconeri di risparmiare una cifra pari a 90 milioni di euro. Tutte le società di Serie A stanno discutendo questa ipotesi, e il Milan sembra il più vicino a trovare un accordo con i giocatori. I rossoneri sperano di risparmiare soldi importanti, dato che la cassa societaria non gode di ottima salute. I problemi all’interno dello spogliatoio, con la rottura totale tra Ivan Gazidis e alcuni giocatori come Ibrahimovic, potrebbero però creare problemi per trovare questo accordo che, in questo momento, è molto importante.

Milan
Milan

Il Milan cerca l’accordo con i giocatori per il taglio degli stipendi

Tramite una nota ufficiale apparsa sul proprio sito internet, la Juventus è stata la prima società calcistica ad applicare una decurtazione agli stipendi in accordo con i propri tesserati. I Bianconeri hanno applicato una riduzione che consente un risparmio pari a 90 milioni di euro e molte società stanno valutando di seguire l’esempio dei piemontesi. In attesa di capire come si concluderà il campionato e la posizione in classifica finale della squadra di Stefano Pioli, un mancato accesso all’obiettivo minimo dichiarato dell’Europa League comporterebbe mancate entrate alle casse rossonere. In primavera la squadra di Milano avrebbe dovuto ridiscutere con la UEFA la possibilità di aderire ad un Settlement Agreement per raggiungere il pareggio di bilancio entro i prossimi 4 anni.

Il bilancio rossonero non gode infatti di ottima salute (confermata la perdita anche in questo esercizio) e per questo Elliott sarebbe favorevole ad un taglio degli ingaggi per fronteggiare questa situazione. Il taglio prevedrebbe fino al 30% in meno sulle mensilità di Marzo, Aprile, Maggio e Giugno. Come riportato dalla “Gazzetta dello Sport” gli stipendi più pesanti sono quelli degli assistiti di Mino Raiola: Donnarumma (6 milioni), Romagnoli (3,5) e Ibrahimovic (3) sono i “paperoni” del Milan. Solo con il loro ‘sacrificio’ il club si ritroverebbe in tasca 4,1 milioni in più alla fine della stagione. Resta da capire come si concluderà l’attuale stagione calcistica.


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


L’emergenza sanitaria in Italia verrà prorogata fino al 18 Aprile e le diverse squadre non hanno stabilito una data di ripresa degli allenamenti. E’ certo che dopo un mese di stop la preparazione atletica è completamente da rifare e non tutti i calciatori potrebbero essere subito in piena forma. Nel caso in cui la stagione dovesse ripartire e concludere il campionato, che potrebbe spostare la chiusura a fine Luglio, andranno rivisti eventuali accordi stabiliti per il taglio degli stipendi oltre ai diversi prestiti in essere.

Un sacrificio necessario

Milan

Gazidis studia il prossimo calciomercato

A questo potrebbe aggiungersi, notizia dell’ultima ora, la cessione del portiere Gianluigi Donnarumma, tentato da un’offerta monstre dal Chelsea; la squadra inglese avrebbe messo sul piatto un ingaggio da 8 milioni + bonus rendendo quasi impareggiabile l’offerta per qualunque pretendente.

I blues sarebbero infatti pronti a cedere il portiere Kepa, per finanziare l’acquisto di un nuovo estremo difensore e la scelta sembra ricaduta proprio sul 99 rossonero. Davanti ad una cifra vicina ai 60 milioni la dirigenza milanista sarebbe pronta a cedere il proprio gioiello in nome del bilancio e della rifondazione della squadra. Anche grazie al risparmio sullo stipendio (Donnarumma con 6 milioni, è il più pagato della rosa milanista) la dirigenza sportiva del Milan avrebbe più libertà d’azione sul mercato.
Insieme al fratello potrebbe lasciare anche Antonio Donnarumma, desideroso di tornare nuovamente a giocare con continuità in una squadra che creda in lui. In caso di addio di Donnarumma, la squadra rossonera potrebbe virare su Salvatore Sirigu del Torino, un portiere non più giovanissimo ma dalla sicura affidabilità che porterebbe la sua grande esperienza internazionale a favore dei giovani ragazzi di Milanello. Sirigu avrebbe cosi la possibilità di mettersi nuovamente in mostra su palcoscenici importanti, proprio nell’anno in cui gli Europei del 2020 sono stati rimandati al 2021. Ipotesi da percorrere anche quella del ritorno alla base del giovane Alessandro Plizzari. Il classe ‘2000 è attualmente in prestito al Livorno, attualmente in Serie B, per maturare esperienza senza la pressione della maglia rossonera addosso, ma in caso di cessione dell’attuale numero 1, il suo ritorno sarebbe scontato poiché esattamente in linea con la nuova linea verde varata dall’A.D. rossonero Gazidis. Il giovane portiere si è già reso protagonista in un torneo estive con la maglia rossonera, parando diversi rigori nella sfida con il Bayer Monaco ed è da tutti designato come il nuovo baby-fenomeno. Da capire anche la durata della sessione estiva, poiché potrebbe essere prolungata di diversi mesi, nel caso in cui la stagione fosse conclusa anzitempo. Oltre ai giocatori in entrata e in uscita, è da studiare attentamente anche la situazione di Stefano Pioli, che potrebbe lasciare la panchina nella prossima stagione, nonostante alcune voci dicano il contrario.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Milan
Milan