Il Mondiale 2020 sta per volgere al termine, e tutte le scuderie devono tirare le proprie conclusioni. Lo stesso vale ovviamente per la Ferrari, che sta vivendo un campionato difficile, come poche volte è accaduto nella storia della scuderia più vincente nella storia della Formula 1. Che la SF1000 avesse dei problemi si sapeva ben prima che il campionato iniziasse, ma le brutte prestazioni hanno comunque sorpreso tutti gli appassionati e, da quel che sembra di capire, anche gli stessi addetti ai lavori. Charles Leclerc ha cercato di tirare fuori il meglio da questa vettura, arrivando anche a podio in alcune occasioni, mentre le prestazioni di Sebastian Vettel sono state assolutamente insoddisfacenti. Di questo e molto altro ha parlato Mattia Binotto, che ha detto la sua su questa stagione. Il team principal della Ferrari ha parlato dei cambiamenti al motore in vista del 2021, oltre che della prestazione dei due piloti della Rossa. Binotto ha esaltato le prestazioni di Charles Leclerc, indicandolo come leader della Ferrari, preannunciando una convivenza interessante dal prossimo anno con Carlos Sainz.

Binotto
scommesse telegram

Le parole di Mattia Binotto

I progressi sul nuovo motore, che nel 2021 dovrà riportare la Ferrari ad essere competitiva 

“Il motore gira bene al banco prova, sta facendo buoni progressi. Non credo che avremo meno potenza l’anno prossimo. Alla fine torneremo in lotta per quel che riguarda il motore. Il problema legato alla resistenza è stato risolto. Per quanto riguarda il carico aerodinamico, la Mercedes ha una macchina molto forte, quindi non credo che possiamo eguagliarla. Quando guardo la potenza e l’aerodinamica nel 2021, i progetti stanno procedendo molto bene confrontati alle ultime stagioni. Ma il divario è molto grande”


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Per quale motivo Sebastian Vettel non è riuscito a vincere un mondiale con la Ferrari? 

“Non è una risposta facile. Certamente la Ferrari, negli ultimi sei anni, ha avuto molti cambiamenti anche nel top management. Avevamo avuto mancanza di stabilità che certamente non ha aiutato il progetto e questo è stato il motivo principale”

I progressi fatti da Charles Leclerc nel 2020

“Penso che quest’anno Charles abbia guidato ancora meglio rispetto allo scorso anno. Con una macchina difficile come quest’anno, è stato forte, costante, ha saputo adattarsi ai vari layout e ha cercato di estrarre la maggior parte del potenziale dell’auto. E’ molto legato e impegnato con la squadra. Penso che i nostri lo sentano molto bene. Mi piace il modo in cui fa parte della nostra famiglia. Apprezzo i suoi impegni”

Un paragone tra la leggenda Michael Schumacher e la speranza della Ferrari Charles Leclerc

Il paragone con Michael Schumacher è difficile per ogni pilota. La leggenda tedesca, dopo aver vinto due mondiali con la Benetton, arrivò in Ferrari nel 1996, vincendo poi per cinque volte consecutive dal 2000 al 2004. In molti sperano che sia Charles Leclerc a riportare in vetta la Ferrari, vincendo un campionato atteso ormai da 13 anni, quando fu Kimi Raikkonen a trionfare, contro qualsiasi pronostico.

Binotto

“Entrambi sono piloti di grande talento. Charles è sicuramente veloce, capace di compiere sorpassi, è fantastico nella difesa. Vuole sempre vincere. Charles non è mai soddisfatto del secondo posto come non lo era mai Michael. Ma Charles è molto più giovane, Michael invece era già un leader quando è arrivato, Leclerc si sta sviluppando molto bene in questi anni. Deve ancora lavorare molto per diventare un leader in quel modo, ma sicuramente è sulla strada giusta”

L’impatto di Carlos Sainz nel futuro della Ferrari e la convivenza con Leclerc

“Come ho detto, per ora è Charles Leclerc il nostro leader. In realtà vorrei che anche Carlos fosse un altro leader della Ferrari, non avremo una prima e una seconda guida. Con Charles abbiamo un progetto a lungo termine, ma avevamo bisogno di un pilota forte e costante. Un pilota che possa anche battere Leclerc e penso che Sainz potrebbe riuscirci. Abbiamo osservato molto Carlos dallo scorso anno; è giovane, ma ha già sei anni di esperienza in Formula 1, il doppio di Leclerc. Siamo molto fiduciosi sul suo potenziale”

Cosa lascerà Sebastian Vettel alla Ferrari? 

L’addio di Sebastian Vettel non sarà certo trionfale come molti avrebbero voluto. La stagione è stata deludente, e lo stesso pilota tedesco si è lasciato andare a qualche frecciatina nei confronti della sua ormai ex squadra. Mattia Binotto ha comunque rilasciato parole di stima nei confronti del quattro volte campione del mondo, ricordando quanto di buono fatto in questi cinque anni.

“Sebastian lascia la Ferrari come il terzo pilota con il maggior numero di vittorie nella nostra storia. Solo Michael Schumacher e Niki Lauda hanno fatto meglio di lui. Questo mostra le enormi impronte che lascia qui. Sebastian non solo è entrato a far parte della nostra storia, ma rimarrà sempre parte della nostra famiglia”
Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Binotto
Binotto