Il Manchester United vince anche il derby di ritorno con un 2-0 firmato da Martial e Mc Tominay. Il Manchester City di Guardiola ci prova ma non trova il goal, subendo un’altra sconfitta pesante. I Red Devils volano così al quinto posto a meno tre dal Chelsea, mentre i Citizens rimangono a venticinque punti dal Liverpool di Klopp, ormai ad un passo dal titolo.

Manchester
Manchester

Il Manchester United trionfa 2-0 contro il City

Il Manchester United vince il terzo derby stagionale (su quattro giocati) e si avvicina al quarto posto, condannando il Manchester City di Pep Guardiola a rimanere a meno 25 dal Liverpool di Klopp, che ormai è ad un passo da un titolo atteso per oltre trenta anni. I Red Devils vincono due derby in Premier League per la prima volta dai tempi di Sir Alex Ferguson, cosa che vale tantissimo per una squadra troppo spesso in difficoltà. Ole-Gunnar Solskjaer può così sorridere, dopo una prestazione ottima della sua squadra, che è riuscita a pressare alto impedendo al City di essere pericoloso impostando il gioco dalle retrovie. Il Manchester United è stato cinico, che ha lasciato l’impostazione del gioco al Manchester City, ma grazie ad un ottimo pressing ha eliminato qualsiasi pericolo. Le statistiche sul possesso palla servono però a poco, e la freddezza davanti la porta dello United ha garantito alla squadra di Solskjaer di trovare i tre punti.
La rete di Martial nel primo tempo e quella di Mc Tominay allo scadere sono stati fatali per Guardiola e i suoi, grazie anche agli errori del portiere Ederson. In entrambi i goal infatti, c’è lo zampino del portiere brasiliano, che ha mostrato troppa superficialità nelle occasioni importanti. Tutto rimane molto aperto per quanto riguarda la lotta per le posizioni che contano, ovvero quelle che valgono un posizionamento in Europa, con il Manchester United che sogna anche la Champions League, obiettivo sicuramente complicato ma non impossibile. L’altro lato della medaglia vede invece il Manchester City troppo spesso fuori partita. La squadra di Guardiola ora dovrà concentrare tutte le forze in Champions League, per risollevare una stagione a dir poco deludente.

La cronaca della partita

Manchester United City

La delusione dei giocatori del Manchester City

La partita inizia bene per il Manchester City, che dopo solo dieci minuti trova la prima occasione. Tutto nasce da una leggerezza di Shaw, che si fa rubare il pallone da Sergio Aguero, che mette la palla dentro per Sterling. Il numero 7 controlla e prova il destro a giro, ma De Gea non si fa superare. Il City prova a controllare la partita con il possesso palla, facendo partire le azioni direttamente dai piedi di Ederson, ma il pressing dello United mette in seria difficoltà i Citizens, che non riescono a creare azioni pericolose. La partita cambia dopo 30 minuti, con il Manchester United che trova il vantaggio. Punizione calciata da Bruno Fernandes, che finta il tiro ma scucchiaia in mezzo per Martial. Il francese calcia al volo, beffando Ederson che fa una mezza papera sul proprio palo e regala il vantaggio ai Red Devils. Il primo tempo finisce 1-0, con lo United in pieno controllo dopo il vantaggio, grazie anche alla spinta del pubblico dell’Old Trafford e alla poca concentrazione dei giocatori di Guardiola.


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Il secondo tempo inizia bene per i Citizens, che realizzano subito il goal. Palla perfetta in profondità di Sterling, che trova il solito Kun Aguero. L’argentino porta palla in avanti e con un destro perfetto supera De Gea. Dopo un controllo al Var però, l’arbitro annulla (giustamente) la rete dell’argentino. Si riparte quindi dallo 0-0. Il Manchester City prende in mano il gioco e diventa molto più propositivo e pericoloso rispetto all’inizio di partita, ma fatica a trovare il goal. Al 50′ minuto Ederson sfiora una papera clamorosa. Il portiere brasiliano sbaglia uno stop semplicissimo su un retropassaggio del suo compagno di squadra e quasi concede il goal del raddoppio a Martial. Solo un tackle disperato sulla linea di porta evita il peggio per la squadra di Guardiola, che comunque continua a soffrire. Dopo l’errore di Ederson infatti, il City torna a giocare con paura, lasciando più volte ripartire lo United, spesso pericoloso in fase offensiva. Guardiola le prova tutte e butta dentro Mahrez e Gabriel Jesus, al posto di Aguero e Bernardo Silva. L’uscita dell’argentino potrebbe far discutere, dato che il Kun stava giocando comunque una buona partita, al contrario del portoghese che invece ha deluso le aspettative. I cambi sembrano subito dare i loro frutti. Mahrez supera tutti sulla fascia e mette in mezzo una palla pericolosissima, che viene però solo sfiorata da Sterling. Nel finale di partita il City ci prova, ma è lo United a trovare il goal. Altro errore clamoroso di Ederson, che con un passaggio lungo con le mani regala la palla a McTominay, che con un tiro al volo mette la dentro il pallone, chiudendo la partita 2-0.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Manchester
Manchester