Domani, allo Stadio Olimpico, andrà in scena la sfida tra la Lazio, che vuole rimanere in scia della Juventus, e il Milan, che ora può pensare a prendere punti su Napoli e Roma. Alla vigilia del match, hanno parlato i due allenatori. Simone Inzaghi ha fatto il punto sulla situazione della Lazio, che contro i rossoneri dovrà fare a meno dei suoi due attaccanti, Ciro Immobile e Felipe Caicedo, causa squalifica. Stefano Pioli si è detto invece deluso per il pareggio contro la Spal, ma comunque positivo per i miglioramenti dei suoi dal punto di vista del gioco. ù

Inzaghi
scommesse telegram

La conferenza stampa di Simone Inzaghi prima di Lazio-Milan

“In attacco non ho ancora scelto in maniera definitiva. Domani mattina vediamo, capiremo le condizioni di Lucas Leiva e Cataldi. I ragazzi hanno voglia, ma soffrono di qualche problema. Faremo un breve risveglio muscolare, ne sapremo di più. Siamo abituati a vivere con l’emergenza. Ma sono comunque convinto che con qualsiasi schieramento, modulo e giocatore faremo una grande gara. Cataldi e Leiva vengono da infortuni importanti. Il brasiliano sta meglio, oggi ha fatto la prima mezz’ora dopo 25 giorni. Danilo ha avuto una distorsione importante a Bergamo. Non era utilizzabile a Torino, per domani dobbiamo vedere. Deciderò insieme a loro. Marusic? Non ci sarà nemmeno con il Lecce, lo stesso discorso purtroppo vale anche per Luiz Felipe. Adekany e Moro non saranno disponibili. Siamo in pochi, ma ho fiducia nei ragazzi. Anche Lazzari stamattina non si è allenato, ma è comunque convocato per il Milan, è solo affaticato. Penso possa essere una bella partita domani, a Torino ho visto dei miglioramenti che mi fanno ben sperare, i ragazzi hanno dimostrato di avere un grande spirito e un attaccamento alla maglia encomiabile. Sono contento, sono davvero umili, nonostante siano fortissimi”


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


 

Inzaghi sugli obiettivi della Lazio e sul record di panchine

“Il nostro scudetto lo abbiamo già vinto, disputando una grande stagione. Sono orgoglioso di essere l’allenatore di questa squadra, ma per il nostro primo obiettivo mancano ancora sette punti. Così avremo la Champions League matematica. Sappiamo da dove siamo partiti, ora non resta che guardare avanti. Prima la Champions, poi vedremo di gara in gara. Accorciare in classifica prima della sfida contro la Juventus? Non saprei, ci sono tante variabili di mezzo come gli orari difficili e le tante gare ravvicinate. Questo cammino è difficile per la Lazio e per le altre. In Serie A tutte le partite sono insidiose, soprattutto dopo una pausa così atipica. Il record di panchine sicuramente mi fa molto piacere. Parliamo di qualcosa di importante, sono qui da tanti anni, sono legato a questi giocatori. Senza di loro non ci sarebbero state belle vittorie nelle Coppe e questa marcia in campionato. I punti che abbiamo sono qualcosa di grandioso, ma ora dobbiamo pensare soprattutto al Milan”

Un’opinione sul Milan di Pioli

“I rossoneri sono una squadra organizzata con ottimi giocatori. Conosco Stefano Pioli, era qui alla Lazio quando io allenavo la Primavera. E’ un tecnico preparato, ottima persona con cui è stato bello parlare di calcio insieme. Ibrahimovic? E’ un top player, vedremo se giocherà dall’inizio. In ogni caso sarà un osservato speciale della partita. 

Le parole di Stefano Pioli

Inzaghi

Pioli da indicazioni ai suoi durante Spal-Milan

“Possiamo comandare la partita, ma dobbiamo migliorare. A Ferrara ci dovevamo provare, abbiamo sbagliato. Ora arrivano gare difficili, servirà cinismo e concretezza. Giocare tutte queste partite ravvicinate non è facile, ma ormai ci stiamo abituando. Ho una squadra consapevole dell’importanza del nostro presente, so di avere un gruppo molto compatto. La Lazio ha tante assenze, è vero, ma attenzione a sottovalutarla. E’ una squadra completa, come ha dimostrato nelle ultime partite. Nonostante le difficoltà hanno comunque trovato la vittoria. In attacco hanno comunque Correa che è un giocatore molto pericoloso, specialmente in profondità. Serve molta attenzione e lucidità, dobbiamo essere precisi. Spesso si parla di partite facili, ma non esistono. Bisogna sempre scendere in campo con la stessa voglia e determinazione. Le dobbiamo giocare tutte al meglio, alla fine valgono sempre i tre punti. E’ un mini torneo di 9 partite fino al 2 agosto, ogni partita varrà tanto e ci permetterà di crescere”

La condizione fisica del Milan

“Ibrahimovic? Non sappiamo quanti minuti abbia nelle gambe. Ma la condizione crescerà sicuramente con il minutaggio. Ha giocato una mezz’ora di allenamento, spero di aumentare il suo impiego domani. Kjaer è un giocatore intelligente, da buoni risultati in coppia con Romagnoli. Se lavoriamo bene davanti favoriamo anche i nostri difensori. In attacco sono contento delle cose che sto vedendo. Rebic sta facendo un grandissimo campionato, è migliorato molto. Anche Rafael Leao sta facendo bene, ha qualità e caratteristiche importanti, può anche giocare più fuori dall’area. Vedremo che scelte fare domani. Stasera c’è l’ultimo allenamento, poi decido chi schierare e chi ci potrà dare una mano in corsa”

L’avventura di Pioli con la Lazio

“Alla Lazio fu una grande esperienza, la ricordo con piacere. Ebbi una grandissima soddisfazione portando la squadra al terzo posto, giocando un calcio bellissimo e spettacolare. Fu un’annata bellissima con un grande ambiente. Il rimpianto fu la finale di Coppa Italia persa contro la Juventus e il secondo anno non ai livelli del primo” 

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Inzaghi
Inzaghi