Una fantastica Atalanta entra tra le prime otto d’ Europa dopo aver battuto nella gara di ritorno al Mestalla il Valencia di Florenzi per 4-3. Ilicic entra nella storia: lo sloveno è il primo giocatore della Champions League a segnare ben quattro gol in trasferta. Serata no per Palomino, ma ci può stare. Fleuler fa tutto bene, a parte sbagliare il passaggio per il gol del pareggio degli spagnoli. Diakhaby provoca ben due rigori e il tecnico Celades lo lascia giustamente negli spogliatoi a fine primo tempo, il migliore negli spagnoli è Gameiro.

Atalanta
Atalanta

Le pagelle del Valencia

Jasper Cilessen 5,5 – Ilicic lo trafigge due volte dagli undici metri, è miracoloso sul tiro a botta sicura di Zapata, non può niente sugli altri gol
Daniel Waiss 5 – Gosens lo costringe a stare in guardia, lui lo fa bene nel primo tempo, ma cala nel corso della ripresa
Francis Coquelin 6 – Tra i difensori centrali è il migliore, quello che paradossalmente se la cava un po meglio di tutti gli altri nonostante non sia un difensore di ruolo. Si arrende nella parte finale
Mouctar Diakhaby 3 – Provoca due rigori, il primo colpendo Ilicic che si era involato verso la porta, il secondo toccando di mano ingenuamente. Oltre a questo, anche troppe sbavature a raffica. Giustamente resta negli spogliatoi. Dal minuto 46 Gonzalo Guedes 6- Entra molto bene, cercando di non dare punti di riferimento alla difesa atalantina, e ci riesce.
Josè Gayà 5 – Ilicic e Hatebor transitano spesso dalla sua parte e per lui sono sempre dolori. Esterno non proprio irresistibile. Nella ripresa alza il baricentro ma nnon cambia nulla.
Fernan Torres 6 – Un primo tempo grigio, poi nel secondo gioca meglio.


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Daniel Parejo 5 – Spento. Gioca una partita insolitamente anonima, facendo molta fatica a entrare nel vivo del gioco.
Geoffrey Kondogbia 5 – Un ectoplasma. Mai un passaggio in verticale, mai un cambio di gioco o un passaggio lungo in avanti. Nella ripresa va a fare il difensore centrale e si vede proprio che non è il suo ruolo.
Carlos Soler 5,5 – Poca lucidità e scarsa intraprendenza, non riuscendo mai a creare la superiorità in mezzo al campo.
Kevin Gameiro 7 – Il migliore dei suoi. Segna due gol mettendo la zampata vincente ad ogni gol degli spagnoli, creando un costante pericolo nell’ area avversaria
Rodrigo 6,5 – Il primo dei suoi a provarci con una bomba da fuori. Si danna l’ anima e ci prova fino alla fine
Dal minuto 80 Alessandro Florenzi senza voto – In campo nel finale di gara, non giudicabile
Allenatore Albert Celades 5 – Con una squadra così corta era difficile cercare la rimonta e in più il gol a freddo di Ilicic rovina i piani ma pensandoci, la qualificazione era già stata compromessa a San Siro.

Le pagelle dell’ Atalanta

Atalanta Valencia

Le pagelle dell’Atalanta

Marco Sportiello 6,5 – A 27 anni fa l’ esordio in Champions League dopo aver giocato quasi 90 partite con la maglia della Dea, fa una buona partita a parte il pallonetto subito da Fernan Torres.
Berat Dmjsiti 7 – Reattivo, preciso e sicuro negli anticipi. Difensore di ottimo affidamento
Mattia Caldara 6,5 – L ‘ ex Milan sembra davvero rinato da quando è tornato a indossare la maglia della Dea. Puntuale nelle chiusure, sbaglia sul gol di Fernan Torres, ma non era colpa sua
Josè Luis Palomino 5 – In ritardo sul gol di Rodrigo e sbaglia la chiusura su Fernan Torres. Una brutta serata per lui
Hans Hateboer 6 – Presidia la corsia di destra, ma non è così travolgente come nella gara di andata
Marteen De Roon 6 – Il solito martello. Generosissimo in mezzo al campo. Dal minuto 44 Duvan Zapata 6,5- Quando entra è fisicamente devastante, andando subito vicino al gol con un gran destro. Propizia il terzo gol di Ilicic
Remo Freuler 7,5 – Prestazione superlativa. Pressa su chiunque, chiude su tutti, da una mano in copertura e colpisce anche una traversa. Applausi
Robin Gosens 6 – Come il compagno di fascia Hatebor, presidia la propria corsia di competenza, senza eccellere
Mario Pasalic 6 – Agisce da trequartista senza mai trovare lo spunto giusto, è però prezioso per gli equilibri della squadra
Josiph Ilicic 9 – Si guadagna e trasforma due rigori, fa impazzire Diakhaby e con il pallone tra i piedi fa quello che vuole. 4 gol, pallone portato a casa e qualificazione ai quarti di finale. C’è da dire altro?
Alejandro Gomez 6,5 – Il papu è come il vino, più invecchia e più e buono. Non è appariscente, ma aiuta la squadra. Forse si sta tenendo i gol per un altro appuntamento storico..
Gian Piero Gasperini 8- L’ artefice di un impresa storica del calcio italiano: porta la Dea ai quarti di finale di Champions League e fa felice Bergamo e tutta l’ Italia in generale rifilando 8 gol al Valencia tra andata e ritorno. Nessun calcolo dopo la Vittoria di San Siro, è andata in Spagna per giocarsela ed ecco la notte perfetta, tutta meritata. Il campionato è fermo, ma le coppe europee dovrebbero andare avanti (almeno per il momento). L’Atalanta sembra ancora la squadra meno organizzata per una coppa così importante, ma Gasperini e i suoi giocatori vogliono continuare a stupire tutti.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Atalanta
Atalanta