Andiamo a vedere il meglio della 23ª giornata di Serie A. In cima ecco il Verona di Juric, che continua ad incantare e batte in casa la prima della classe, la deludente Juventus di Maurizio Sarri. Volano Inter Lazio. La Roma delude e perde in casa con il Bologna. Che incubo il Torino, affossato dalla Sampdoria di Ranieri

Verona
Verona

Voto 10 alla sorpresa Verona in piena corsa per l’Europa

Vittoria in rimonta sulla Juventus, dopo aver pareggiato a San Siro contro il Milan e aver fermato la Lazio all’Olimpico. Una settimana magica per il Verona di Juric, che si porta al sesto posto in classifica. Una neopromossa terribile, ormai non più una sorpresa, ma una solida realtà in cui brillano Kumbulla e Amraabat, ma dove tutti si rivelano determinanti come gli autori dei due gol Borini e Pazzini. Sicuramente la più bella sorpresa di questa stagione. Ora le altre devono iniziare a preoccuparsi, perché il Verona non ha ancora finito di stupire.

Voto 9 alla Lazio e alla fantastica rimonta dell’Inter

Juventus Inter Lazio Roma Verona

Lukaku festeggia il goal del 4-2

La Lazio di Simone Inzaghi vola e vince di nuovo portandosi a meno uno dalla vetta. Decide il gol decisivo di Caicedo. Ora sono diciotto i risultati consecutivi per la banda Inzaghi e domenica c’è la super sfida tra i biancocelesti e l’Inter di Antonio Conte. Volto altissimo anche per i nerazzurri, che vincono 4-2 un derby spettacolare, dopo essere andati in svantaggio di due goal nel primo tempo. Trionfo totale per gli uomini di Conte, che vince il suo quarto derby consecutivo e aggancia la Juventus in vetta alla classifica. Una rimonta da favola firmata da Brozovic, Vecino, De Vrij e Lukaku per una squadra che ormai ha nel DNA il carattere del suo condottiero Conte.

Voto 8 al Bologna di Sinisa Mihajlovic

Terzo successo consecutivo per i felsinei, stavolta in trasferta contro la Roma, con doppietta di Musa Barrow, uno degli acquisti più decisivi nel mercato di gennaio. Il Bologna ora è settimo in classifica e dimostra di avere tutte le chance per giocarsi un piazzamento in Europa quest’anno. Gli emiliani, con il loro condottiero Sinisa in panchina, sembrano essere più sicuri.

Voto 7 al Lecce di Liverani

Zitto zitto il Lecce di Liverani si sta tirando fuori dai bassifondi della classifica. Dopo aver rifilato quattro gol al Torino, ne rifila altri tre al Napoli di Gennaro Gattuso. Sei punti determinanti che confermano l’ottima campagna acquisti di gennaio. I salentini dopo aver fermato Inter e Juve, battono anche il Napoli e ora aspettano la prossima giornata per lo scontro diretto contro la Spal.

Voto 6 alla Sampdoria di Ranieri

La squadra di Ranieri batte 3 a 1 il Torino e dimostra che la rosa a disposizione del tecnico blucerchiato  ha qualità ben più alte di quello che la classifica dimostra. A segno ancora Quagliarella e una bellissima doppietta di Gaston Ramirez. La Sampdoria è ormai ufficialmente fuori dalla lotta per non retrocedere, e ora potrà giocare le prossime partite con più tranquillità.


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Voto 5 al Brescia

Meriterebbe un voto in più il Brescia e l’esordio di Lopez sulla panchina delle Rondinelle, almeno una sufficienza di stima ma il Brescia si fa ancora rimontare, stavolta al 90’ con goal di De Paul. Un’altra beffa in un campionato che sembra maledetto, al terzo cambio di allenatore in ventitré giornate. Il Brescia potrebbe sicuramente fare di più con giocatori come Tonali, Bisoli e Balotelli, ma sembra che le rondinelle siano ormai destinate a lasciare la Serie A, a meno di sorprese.

Voto 4 alla Roma e al suo 2020 da incubo

Dopo la sconfitta di Reggio Emilia, arriva anche quella in area contro il Bologna. La formazione di Fonseca scivola al quinto posto e sta dimostrando di aver patito gli infortuni di Zaniolo e Diawara. La squadra di Fonseca si sta piano piano perdendo, tradita questa volta anche dalla coppia difensiva Smalling e Mancini. Troppi gol subiti e troppe scelte sbagliate, errori che rischiano di compromettere la buona prima parte di stagione.

Voto 3 alla Juventus smarrita e senza identità

Juventus Inter Lazio Roma Verona

La delusione dei giocatori della Juventus

Seconda sconfitta consecutiva in trasferta, quarto ko da dicembre, includendo anche la Supercoppa. La Juventus non riesce più a fare la Juventus, persa nel cosiddetto sarrisimo. L’allenatore toscano non riesce a dare un’impronta alla sua squadra. Il centrocampo non convince, la difesa è diventata troppo fragile, ed a ogni sostituzione c’è sempre un muso lungo. Per la Juventus c’è il solo Ronaldo che si sta prendendo la squadra sulle spalle.

Voto 2 al Napoli

La squadra di Gattuso cade in casa contro un ottimo Lecce, abbandonando così i sogni di rimonta europei, in ottica Champions League. Il moto d’orgoglio degli azzurri sembra essersi già esaurito, e ora la squadra sembra pronta a concentrarsi sulla Coppa Italia. Il rigore su Milik poteva essere concesso, e avrebbe riportato il Napoli in parità, ma un errore arbitrale non può regalare scuse, e Gattuso dovrà inventarsi qualcosa per evitare altre sconfitte del genere.

Voto 1 al bruttissimo secondo tempo del Milan

Il primo tempo è stato spettacolare, è vero. Ma il secondo tempo del derby tra Inter e Milan ha visto i rossoneri completamente senza forze, colpiti da ogni parte dalle azioni offensive dei “cugini”. Stefano Pioli dovrà ora analizzare la sconfitta per capire i motivi di un calo fisico così importante, sperando non ricapiti in altre occasioni.

Voto 0 al Torino, troppo brutto per essere vero

Dopo l’esonero di Mazzarri, è toccato a Moreno Longo sedere sulla panchina del Torino, che ha subito 18 gol nelle ultime quattro gare ufficiali. La squadra granata è totalmente allo sbando, ha perso ogni certezza e non si intravedono leader carismatici il grado di trascinare il gruppo fuori da questa situazione. La sconfitta per 3-1 contro la Sampdoria segna un pessimo inizio per la gestione di Moreno Longo, e il futuro del Torino ora sembra davvero incerto.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Verona
Verona