Scrivi quello che vuoi cercare

Italia U21 – Polonia U21: analisi tattica, statistiche e pronostico

Mercoledì 19 Giugno, alle ore 21:00, si terrà il match tra Italia U21 e Polonia U21, valido per il secondo turno di partite dell’Europeo Under 21, gruppo A. Lo stadio scenario della partita sarà il Dall’Ara di Bologna e vedrà darsi battaglia due squadre molto interessanti, specialmente sul piano tecnico: due autentiche sorprese che attirano l’attenzione dei principali club a caccia di giovani talenti. Andiamo a vedere insieme, allora, il pronostico di Italia U21 – Polonia U21.

Italia U21 – Polonia U21: parola d’ordine continuità

Gli azzurrini di mister Di Biagio possono infatti vantare una rosa di classe top. La grande maggioranza dei titolari ha già giocato in nazionale maggiore, dando sfoggio di caratteristiche e qualità incredibili e dimostrando di non essere la “classica” Under 21, ma l’autentica base per il futuro del calcio italiano. Alcuni talenti spiccano in particolare, come vedremo in seguito, ma a fare la differenza sembra essere lo spirito di squadra, che cavalca l’onda dell’entusiasmo ottenuto dall’Italia nelle altre competizioni: basti pensare all’ottimo momento della nazionale maggiore, nonché della nazionale femminile e dell’Under 20, uscita a testa alta dal mondiale. Dal lato opposto troviamo una nazionale che sta sorprendendo tutti, un po’ come l’Ucraina del mondiale Under 20: la Polonia ha tutte le carte in regola per svolgere un ottimo Europeo. Non basta la vittoria per 3-2 contro il Belgio alla prima giornata, ma va considerato il percorso: basti pensare alle qualificazioni, in cui la Polonia è riuscita a ribaltare la sconfitta in casa contro l’ottimo Portogallo grazie ad un 3-1 fuori casa. Una nazionale sicuramente da seguire, anche in prospettiva.

Italia U21 – Polonia U21, analisi prepartita e statistiche

Per entrambe le squadre è bene analizzare le statistiche relative alle precedenti partite, in particolar modo le prime partite del girone, per capire le modalità con cui le due compagini scendono in campo e gestiscono il pallone.

Analizziamo l’Italia, che ricordiamo ha ottenuto una vittoria importantissima contro la Spagna, squadra più quotata almeno sulla carta. Come detto dagli stessi azzurrini e in particolare da Lorenzo Pellegrini, “le loro qualità tecniche non si discutono” ed è una verità inconfutabile, nonché un motivo in più per temere questa Italia. Riuscire a battere una nazionale ricca di giovani stelle come la Spagna significa sia avere dalla propria parte dei grandi talenti, sia avere un gioco solido.

Analizzando le situazioni di gioco tra Italia e Spagna emerge che gli Azzurri sono una squadra maggiormente attendista, meno avvezza al possesso palla, meno spettacolare e molto più concreta. A fronte di un possesso palla del 42% contro il 58% degli spagnoli, l’Italia però ha calciato di più (12 tiri a 7) e soprattutto ha effettuato più contrasti (32 a 25), spesso ringhiando sulle caviglie avversarie. Si delinea l’immagine di una squadra molto solida, soprattutto se guardiamo anche ai passaggi chiave (10 a 6) e alla provenienza dei tiri (7 tiri a 3 da dentro l’area, 4 tiri a 4 da fuori area). Insomma, se l’Italia manterrà la stessa solidità e sfrontatezza anche contro la Polonia, sarà in grado di condurre una partita degna di nota.

Anche la Polonia ha giocato un match per lo più attendista e rinunciatario contro il Belgio, che possiede qualità di palleggio superiori. La Polonia però sembra essere una squadra che calcia molto meno, ma più efficacemente (nella partita contro il Belgio, 6 tiri a 18) e oltretutto tocca meno volte la palla (circa 600 tocchi a 800). E’ una squadra che, in maniera per certi versi simile all’Italia, si presenta con le classiche difese barricate e ripartenze fulminee (come testimoniano le 25 spazzate contro 8 del Belgio).

Quali saranno i giocatori chiave delle due squadre? Per quanto riguarda l’Italia crediamo servano poche presentazioni: Federico Chiesa è l’uomo di punta, l’astro nascente del calcio italiano che ha timbrato la porta degli spagnoli con 2 gol, entrambi da vero opportunista e rapace d’area. Oltretutto su quella fascia passa circa il 45% delle azioni azzurre, motivo per cui è lecito aspettarsi altre grandi prestazioni dal talento della Fiorentina. Occhio anche a Barella, Mancini e Kean, reduce da una partita un po’ nervosa ma sicuramente con tanta voglia di riscattarsi. Per quanto riguarda la Polonia segnaliamo alcuni nomi in particolare: Kownacki, Dziczek e soprattutto Bielik, difensore da cui è passato il maggior numero di tocchi palla nella precedente partita.

Sfrutta queste statistiche su Invictus, un algoritmo dall’iscrizione gratuita che fornisce pronostici scientifici sicuri all’80%. Sulla piattaforma potrai trovare anche altre statistiche e troverai i migliori pronostici di oltre 100.000 scommettitori di tutto il mondo. Provalo gratis.

Italia U21 – Polonia U21, probabili formazioni

Non si segnalano infortunati nelle due nazionali. Vediamo dunque le probabili formazioni:

ITALIA U21 (4-3-3): Meret; Calabresi, Mancini, Bonifazi, Dimarco; Barella, Mandragora, Pellegrini; Zaniolo, Kean, Chiesa.

POLONIA U21 (4-3-3): Grabara; Fila, Wieteska, Bielik, Pestka; Jagiello, Dziczek, Zurkowski; Michalak, Kownacki, Szymanski.

Pronostico dell’esperto e consigli scommesse Italia U21 – Polonia U21

A nostro modo di vedere, l’Italia può essere considerata la favorita per questo match. La Polonia è una squadra insidiosa, molto pericolosa grazie alle sue abilità difensive e alla capacità di ripartire in contropiede, ma l’Italia si è dimostrata ampiamente capace di contenere una squadra frizzante e ubriacante come la Spagna. Sarà di certo una bella partita, che dovrà essere giocata dagli azzurri con massima cautela e senza eccessivi sbilanciamenti sul fronte offensivo.

Dove vedere la diretta streaming di Italia U21 – Polonia U21

Sarà possibile seguire Italia U21 – Polonia U21 in diretta su Rai 1, nonché nei principali bookmaker che trasmettono l’Europeo Under 21 in diretta streaming.

Tag
Andrea Troccoli

Andrea nasce a Foggia nel 1992, i suoi principali interessi sono sempre stati lo sport, la tecnologia e la finanza. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bologna, si è laureato in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa presso la Sapienza, Roma. Da anni vive a Roma e, come addetto Marketing per Nextwin, può mettere in pratica le conoscenze acquisite e abbinarle alle sue passioni.

  • 1

Potrebbe piacerti anche