Grazie ad una bellissima iniziativa, la Nazionale italiana guidata da Roberto Mancini si è recata al Bambin Gesù, per salutare e portare regali ai bambini ricoverati. Tutti i giocatori hanno scherzato e giocato con i bambini, come si può vedere sui canali social della Nazionale. Tra tutti i giocatori, il più coinvolto è stato sicuramente Francesco Acerbi. Il difensore della Lazio, che nel 2013 ha dovuto affrontare un tumore al testicolo, è rimasto con i bambini fino all’ultimo momento. A tal proposito, il responsabile dell’ufficio stampa ha raccontato un bellissimo aneddoto.

Le parole di Acerbi

Francesco Acerbi ha visitato l’ospedale Bambin Gesù insieme alla Nazionale italiana

Sollecitato dai suoi compagni ad entrare nella navetta che avrebbe riportato i giocatori in albergo, secondo quanto riferito da Alessandro Iapino, responsabile dell’ufficio stampa dell’ospedale, Francesco Acerbi avrebbe risposto così: “Non mi importa, possono anche andare, io prenderò un taxi ma non me ne vado finché non avrò finito il giro”. 

Acerbi non ha perso l’occasione per parlare sui social di quanto sia stato importante per lui andare a trovare dei bambini che in ospedale combattono contro le loro malattie, e di come questi bambini gli abbiano dato la forza per affrontare qualsiasi problema. Grazie alla correttezza mostrata in campo e fuori, Acerbi è diventato l’idolo dei tifosi biancocelesti, ed ora è pronto a prendersi la Nazionale di Roberto Mancini.


Scarica l’app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.


Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.