Le finali di Champions League sono sempre quegli eventi aspettato da tutti gli amanti del calcio. Di queste ne esistono alcune che sono entrate nella storia, per determinati fattori e che spesso hanno fatto urlare ai tifosi “mamma mia che partita pazza”. Oggi andremo a vedere 5 finali di Champions League pazze.

Milan-Barcellona (4-0), 1993/94

Questa particolare finale di Champions League fu pazza, non per strane rimonte o gol all’ultimo secondo, ma perché il risultato su una vera e propria sorpresa, nonché un risultato pazzo. In quella stagione il Milan di Capello e il Barcellona di Cruijff erano le squadre più forti d’Europa e si andavano ad affrontare con un risultato del pronostico rivolto verso i catalani che avevano dato sfogo ad un gioco spettacolare per tutta la stagione e anche perché, i rossoneri, dovevano fare a meno della coppia di centrali difensivi Baresi e Costacurta, due pilastri della difesa milanista. La vigilia poi, fu infuocata dal tecnico die blaugrana, che fu totalmente convinto di avere già la coppa in bacheca. Nonostante la sicurezza però, la finale non fu mai in discussione ed è per questo che può essere considerata una partita pazza, perché il 4 a 0 servito da Capello e dal Milan, fu una sorpresa incredibile, soprattutto per la differenza tecnica, di voglia che fu messa in campo dalle due squadre. Una differenza che non diede modo di replica al Barcellona, che ricorderà quella sconfitta per sempre.

Manchester United-Bayern Monaco (2-1), 1998/99

Questa finale è entrata fin dal fischio finale, nella storia del calcio. Tutto questo per due eventi particolare accaduti proprio nei minuti finali. Le due squadre si erano già incontrare nel girone, pareggiando entrambe le partite, raggiungendo la finale con un percorso difficile per entrambe. Il Bayern Monaco passò subito in vantaggio, grazie alla punizione di Basler. Questo gol tagliò le gambe degli inglesi, che uscirono praticamente dalla gara, lasciando il campo ai tedeschi che sfiorarono il raddoppio più volte durante la gara. Tutto questo, prima di arrivare agli ultimi minuti della gara, quando Ferguson decise di mettere in campo Sheringham e Solskjær, cambiando l’inerzia della gara e spingendo i tedeschi a chiudersi nella propria aerea a protezione del vantaggio. Arriviamo poi agli storici minuti di recupero dove Sheringham pareggiò la partita sullo sviluppo di un calcio d’angolo. Tutto questo spinse i Red Devils a spingere ancora di più, procurandosi un ulteriore corner, quel cross di Beckam fu preso prima da Sheringham e poi da Solskjær che portò in vantaggio lo United, ribaltando la partita in un solo minuto. Una partita del tutto pazza che rientra di diritto nella storia della competizione.

Liverpool-Milan (3-3), 2004/05

La partita che per un tifoso del Milan risorge sempre negli incubi più profondi. Fu pazza, perché fu divisa in due porzioni. La squadra di Ancelotti arrivava in finale avendo giocato bene per tutto il torneo e avendo sofferto solo contro il PSV in semifinale. Benitez, invece, riuscì a riportare i Reds in finale dopo anni di mancanza. Il primo tempo fu un dominio rossonero, la squadra di Milano passò in vantaggio nel primo minuto grazie a Maldini, susseguito poi dalla doppietta di Crespo che porta il risultato sullo 0 a 3. Nel secondo tempo il Milan esce dal campo, facendo l’errore di pensare di aver già vinto la partita. Il Liverpool in 6 minuti pareggia la partita, tra lo shock di tutto lo stadio e del Milan, che si ritrova così a dover difendere il pareggio per arrivare ai rigori. Rigori che il Milan approcciò malissimo, sbagliandone 3 su cinque e concedendo la finale ai Reds, che furono autori di una delle rimonte più belle e pazze della storia.


Scarica l’app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Chelsea-Bayern Monaco (1-1), 2011/12

La finale in questione fu un misto di emozioni pure, partendo dalla storia incredibile dell’allenatore del Chelsea Di Matteo, diventato tecnico a stagione in corso, riuscendo a portare gli inglesi alla gloria. La partita si svolgeva poi all’Allianz Arena, la casa del Bayern, tutto era a favore per la vittoria dei tedeschi. La partita è molto tattica con il Chelsea chiuso in difesa, ma il gol arriva proprio sul termine della gara, con il gol di Muller. Tutto sembra portare la coppa in direzione del Bayern, quando Drogba spicca di testa su un calcio d’angolo andando a pareggiare al minuto 88. Nel supplementare, Cech para un rigore decisivo a Robben, portando la partita ai calci di rigore, dove ancora il portiere e ancora Drogba, porteranno la coppa in Inghilterra. Questa è una partita pazza per le varie dinamiche accadute, ma anche per la storia di quella stagione dei Blues.

Real Madrid-Atletico Madrid (1-1), 2013/14

La partita vedeva in scena il derby di Madrid posto nell’ambito più importante europeo, portando ancora una volta il calcio spagnolo in vetta al mondo. La partita fu abbastanza equilibrata, con il gol di Godin a portare in vantaggio la squadra di Diego Simeone. Questo risultato rimase fermo fino allo scadere dei 90 minuti, con un Atletico in grado di reggere la forza offensiva del Real. Tutto poi cambiò. Al minuto 93 su un calcio d’angolo, Sergio Ramos riuscì a girare il pallone di testa nell’angolino, portando la partita ai supplementari. Qui la partita diventò del tutto pazza. L’Atletico subì il colpo del pareggio all’ultimo minuto e uscì dal campo, con il Real che non si fece pregare e che segnò 3 gol in dieci minuti, vincendo la coppa. Questa partita è pazza, perché ci fa capire di come basti un gol per cambiare completamente l’andamento visto nei 90 minuti.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.