Donna Vekic è tra le giovani tenniste più interessanti del circuito. A soli 20 anni è riuscita ad entrare nella Top 100 Wta e ora, a 24 anni, occupa la 19° posizione. Durante un’intervista rilasciata a Behind The Racquet, la tennista croata ha parlato dell’inizio del suo amore per il tennis, nato quando aveva appena sei anni. Donna Vekic ha parlato anche dei suoi problemi con l’ansia e la pressione, e di come è riuscita a superarli.

Vekic
scommesse telegram

Donna Vekic racconta la sua carriera e i problemi con l’ansia e la pressione

“Ho iniziato a giocare a tennis quando avevo sei anni. Dai quattro ai sei ho praticato la ginnastica artistica, che è uno dei miei sport preferiti, soprattutto da guardare in Tv. Quando ho iniziato a fare ginnastica non è mai stato per diventare una professionista o cose del genere. Stavo migliorando sempre di più, ma un giorno gli allenatori si avvicinarono ai miei geintori e dissero loro che sarei diventata troppo alta per questo sport. Ripensandoci immagino che avessero ragione. L’estate si avvicinava e i miei genitori mi dissero che avrei dovuto provare qualcos’altro. Io dissi: ‘Perché non il tennis?'”

“Mi ha preso fin dal primo giorno. Ricordo che mi slogai la vagilia in casa il primo giorno del mio primo allenamento, ma ci andai lo stesso. Il tennis mi piacque fin dall’inizio, probabilmente perché ero molto competitiva. Odiavo perdere e avevo sempre bisogno di vincere. Amo veramente il tennis. Non c’è niente di meglio che giocare una partita notturna, specialmente negli Slam. Si può intuire quanto ami questo sport dal fatto che, anche se passo tutto il giorno sul campo, la prima cosa che faccio quando torno in albergo è accendere la Tv e guardare altre partite di tennis. Ricordo una delle mie più lunghe striscie di sconfitte. Avevo circa 16 anni e avevo perso sette partite di fila, e questo quando il numero di tornei pro che potevo giocare era limitato. Non potevo giocare settimana dopo settimana per cercare di ottenere quella vittoria. Ho finalmente vinto la mia prima partita dopo un po’ di tempo a Indian Wells, un sollievo incredibile. Dopo aver perso un paio di partite era diventata una questione mentale, pensavo di non avere la qualità necessaria. Il problema è che ero salita rapidamente in classifica. Avevo 16 anni ed ero già nella Top 100. A 17 vinsi il mio primo evento WTA, a Kuala Lumpur. Ogni volta che raggiungevo una finale o vincevo un torneo, quello successivo era da buttare. Perdevo presto a causa di tutta la pressione che mi mettevo addosso”


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


“Non mi piaceva molto giocare all’età di 18-20 anni. Tutti si aspettavano che continuassi a vincere per via di ciò che avevo fatto a 16 anni. Non succede sempre così, anzi è molto raro. Ora quando vedo tutte queste giovani ragazze che vincono, so che ad un certo punto si bloccheranno. Da quel momento in poi dipende tutto dal modo in cui si affrontano le cose e si agisce per superarle. Molta della pressione viene dai media. Ricordo di aver letto un articolo in cui mi avevano definito una “turista” del torneo. Non mi era mai piaciuto leggere troppo di me stessa, anzi, nno ci avevo mai prestato troppa attenzione. A volte era più facile, perché non passavo tanto tempo in Croazia e quindi non sentivo quello che la gente diceva di me. Però anche se non vuoi, senti comunque che la gente parla di te. Continuavo a lavorare duramente, mi allenavo, facevo tutto per bene, ma questo non si rifletteva in partita. Alla fine, ho ammesso a me stessa che non mi stavo più divertendo a giocare. Le cose cambiarono e in classifica passai da essere fuori dalle prime 100 ad entrare nelle prime 20 del mondo. Sono cresciuta davvero, attraverso il naturale processo di crescita, e sono diventata più matura. Non posso dire che sia stato perché lavoravo di più, ero solo più consapevole.

La rinascita nel 2019

Vekic

“Ho avuto la fortuna di avere un 2019 straordinario. Sia il mio allenatore Torben Beltz, sia il mio preparatore atletico, Zlatko Novkovic, mi hanno aiutata molto. Non so cosa fare senza di loro. Andiamo così d’accordo che non vedo l’ora di partire per i tornei e di stare con loro. Torben è un ragazzo così positivo, e questa è una cosa molto importante per me. Sono una persona che tende a buttarsi giù e ad essere molto dura con se stessa. Riesco a trovare un equilibrio perché sono anche molto socievole e amichevole. Ci sono alcune sere in cui sto nella mia stanza, non parlo con nessuno e chiedo il servizio in camera. Il più delle volte ceno con il mio team o con gli amici”ù

“Sono in buoni rapporti con la maggior parte delle ragazze del tour. Una delle mie migliori amiche è Maria Sakkari e non è mai facile doverci giocare contro, cosa che è capitata alcune volte di recente. E’ terribile. Entrambe vogliamo vincere la partita ma allo stesso tempo c’è un rapporto di amicizia tra di noi. La cosa peggiore è che lei conosce ogni singola mossa che farò, ma anche io, proprio come lei, so cosa pensa in ogni istante. E’ una sensazione strana. Per tutto il match penso: ‘Voglio solo che questa partita finisca’. Non penso troppo all’amicizia durante la partita perché so che rimarrà sempre. Abbiamo questa tradizione per cui chi vince paga la cena”

Un consiglio per i giovani tennisti

“Il mio miglior consiglio per la prossima generazione di tennisti e tenniste è di trovare la positività. Non pensate troppo, cercate di guardare al quadro generale. Pensate a lungo termine, perché ancora adesso mi capita di pensare di volere qualcosa subito, ma questo non mi aiuta a giocare meglio. E’ difficile da fare, per questo avete bisogno di un team che vi aiuti. Non tutti possono riuscirci, non è facile, ecco perché il tennis è così tosto”

 
Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Vekic
Vekic