Dopo la vittoria dell’Australian Open, Novak Djokovic ha parlato in conferenza stampa. Il numero 1 al mondo si è detto felice per aver raggiunto la nona vittoria in questo torneo del Grande Slam e per aver superato il record di settimane consecutive al primo posto nel ranking ATP. Il serbo ha anche detto la sua su alcune critiche ricevute dopo aver parlato dell’infortunio rimediato nella sfida contro Fritz. Djokovic non ha nascosto l’entità dell’infortunio, spiegando che ha potuto giocare nonostante il dolore e che solo dopo la fine del torneo avrebbe preso una pausa per superare il problema.

Djokovic
scommesse telegram

Le parole di Novak Djokovic dopo la vittoria all’Australian Open 

L’infortunio rimediato dopo la partita contro Fritz

“È uno strappo al muscolo obliquo dell’addome. L’ho sentito appena è successo contro Fritz ed è quello che ho detto nell’intervista post-partita. Sono andato a intuito, ma ho pensato quello a causa dello schiocco e di come mi sono sentito subito dopo. Ero preoccupato e non sembravo in grado di giocare. Non ne avevo idea fino a due ore prima degli ottavi, quando sono sceso in campo e ho giocato a tennis per la prima volta dopo il terzo turno. Mi sentivo ok, il dolore era sopportabile e ho accettato di dover giocare con il dolore. Nello sport professionistico si gioca spesso con il dolore, ma questo era un dolore diverso, derivante da un infortunio piuttosto che da un indolenzimento. Se ero consapevole del fatto che avrei potuto peggiorare le cose? Sì, lo sapevo. Come ho già detto, se devo scegliere un torneo in cui rischiare un infortunio più grave pur di avere una chance di vincere, è questo. Ovviamente non ho fatto tutto da solo, il mio team e il mio fisioterapista hanno fatto un lavoro incredibile. Grazie a Dio sono riuscito a fare quello che ho fatto“


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Le critiche degli ultimi giorni 

“So che ci sono state molte speculazioni, la gente si è chiesta se fossi davvero infortunato e come abbia potuto recuperare così rapidamente. Lo capisco, ognuno ha diritto di esprimere la propria opinione e di criticare. Mi sembra ingiusto, ma non sarà né la prima né l’ultima volta. Avrete la possibilità di vedere nel dettaglio cosa abbiamo fatto negli ultimi 9-10 giorni quando uscirà il documentario, a fine anno. Abbiamo ripreso molte delle cose che abbiamo fatto qui ma anche nei sei mesi precedenti. Potrete vedere di più sulla routine del mio recupero, cosa è successo dietro le quinte. Non è bello sentire chi giudica senza aver davvero verificato i fatti. Ma come ho già detto, non è la prima volta – mi è successo molte volte in carriera. Sta a me decidere se reagire o meno e in che modo, ma non permetto che questo ostacoli il mio rendimento in campo. In un certo senso, credo che vincere il trofeo sia la mia risposta. Se le critiche mi pesano? Ovviamente sì, sono un essere umano come tutti. Provo emozioni e non mi piace quando vengo attaccato apertamente. Non posso dire che non mi interessa, devo essere onesto. Ma credo di aver sviluppato una corazza spessa nel corso degli anni per schivare queste cose e concentrarmi su ciò che conta. Ognuno è differente, sono difficili da comparare. Sicuramente questo è stato uno dei più impegnativi dal punto di vista emotivo, per tutto quello che è successo fuori dal campo, l’infortunio, la quarantena. Queste quattro settimane sono state un viaggio sulle montagne russe. Ovviamente non sono l’unico a essermi trovato in quella situazione, non posso lamentarmi anche perché mi è andata meglio rispetto a chi non ha potuto allenarsi per 15-20 giorni. Ho provato emozioni contrastanti, molta sofferenza, molto sacrificio”

Djokovic

Il ritorno dei tifosi allo stadio

“All’inizio non sembravamo i benvenuti a giudicare da quello che hanno scritto i media, ma alla fine credo sia stato un torneo di grande successo. Tutti ci auguriamo altri tornei come questo in calendario, ma sarà difficile vedere pubblico altrove. Per me è stato difficile mantenere la mente serena e concentrata su quello che contava di più, e ho speso molte risorse col mio team per ritrovarmi qui con il trofeo. Vedremo cosa mi riserverà il resta della stagione”

Quanti altri Slam pensi di poter vincere? 

“Nonostante io abbia vinto e giocato così tante finali negli Slam, mi godo ogni singolo successo,  adesso persino di più perché so che più tempo passa, più difficile diventerà per me mettere le mani su un trofeo Slam. I giovani stanno arrivando e sono affamati come me, forse anche di più, e stanno sfidando me, Roger e Rafa. Non mi sento vecchio o stanco, ma biologicamente e realisticamente le cose sono diverse rispetto a dieci anni fa. Devo essere furbo con la programmazione, per essere in forma al momento giusto e gli Slam sono i tornei nei quali voglio esprimermi al meglio“

Il nuovo record 

“Essere diventato il numero 1 per settimane in testa alla classifica è anche un sollievo perché potrò spostare la mia attenzione principalmente sugli Slam. Quando competi per il numero 1, devi giocare l’intera stagione  e giocarla bene. I miei obiettivi si adatteranno e cambieranno un po’, il che significa che farò qualche modifica al calendario. Non sono costretto a farlo, ma avrò l’opportunità di farlo anche in qualità di padre e marito”

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Djokovic
Djokovic