Alla vigilia della sfida contro lo Spezia, Andrea Pirlo ha parlato in conferenza stampa. L’allenatore bianconero ha parlato delle pressioni che sta ricevendo dall’inizio del campionato, complice anche l’andamento non positivo della sua squadra. Pirlo ha inoltre rassicurato sulla situazione di Paulo Dybala, rimettendo tutto a dei semplici problemi fisici. La sfida contro lo Spezia, sulla carta molto agevole, non sarà sicuramente così semplice, dato che in questo calcio post lockdown ci siamo abituati a vedere risultati sorprendenti. Pirlo ha parlato molto bene dell’allenatore dei liguri, Vincenzo Italiano, esaltando la sua idea di calcio e i risultati che sta ottenendo.

Pirlo
scommesse telegram

La condizione di Matthijs De Ligt, Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini

“Purtroppo De Ligt deve aspettare ancora una settimana. L’ortopedico gli ha dato una settimana di stop, sta andando tutto bene, fin troppo bene, ma per essere sicuro ha detto di aspettare ancora una settimana. Ieri Leonardo Bonucci ha lavorato a parte, oggi con la squadra. Ci sarà. Giorgio Chiellini non è convocato, invece, continua a lavorare a parte. Sta bene, ma continua il suo recupero”

Andrea Pirlo parla di Vincenzo Italiano

“Contro lo Spezia sarà una partita difficile, da vincere. Come lo è stata a Crotone, giochiamo contro una neopromossa che sta facendo bene. Conosco l’allenatore perché abbiamo fatto il corso insieme quindi so che tipo di squadra imposta e vuole far giocare. Serve una bella partita e cercare di prendere punti, per il nostro percorso e per avere un po’ di positività rispetto alle ultime giornate”


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Cosa manca alla Juventus per fare il salto di qualità?

“Manca un po’ di solidità nel recupero della palla, nella fase difensiva siamo la squadra che ha subito meno goal dopo il Napoli però se si vuole fare un gioco offensivo è normale che puoi avere qualche rischio in più nella fase difensiva, vogliamo proporre un gioco più offensivo quindi  è normale che in qualche partita si possa subire qualche occasione in più, però è importante proseguire su questa strada e migliorare giorno dopo giorno per cercare di trovare l’assetto migliore”

Andrea Pirlo parla delle pressioni che subisce da allenatore della Juventus

La Juventus di Andrea Pirlo non ha iniziato la stagione nel migliore dei modi. In campionato i bianconeri non sono partiti bene, ma anche in Champions League la situazione non è molto diversa. Contro la Dinamo Kiev è arrivata una vittoria molto sofferta, mentre nel big match contro il Barcellona la squadra di Pirlo è stata travolta da Messi e compagni. Le pressioni sull’allenatore della Juventus non sono poche, e Andrea Pirlo ha parlato proprio di questo.

Pirlo

“Non sono sorpreso dalle pressioni, le avevo da calciatore e ora le ho da allenatore. Sono sempre stato sotto i riflettori, con pressioni e responsabilità. E’ una cosa che non mi sorprende e anzi mi fa venire voglia di fare sempre meglio e di fare quello che ho in testa. Sono tranquillo, faccio il mio lavoro e continuerò a farlo fino in fondo. Costruire e fare risultati sono due aspetti che nel calcio vanno di pari passo. Ma su 70 giorni che sono qui, ho allenato per 22-23 giorni e non ho mai avuto con me tutti i calciatori a disposizione. E’ normale che manchi una fluidità di gioco e che qualche posizione non sia capita ancora al 100%. Non siamo contenti dei risultati ma lo siamo della voglia dei giocatori di mettersi a disposizione. Ci vuole amalgama fra i giocatori nuovi, fra i giocatori che hanno giocato poco insieme, ci vuole tempo per capirsi e trovare le giuste distanze”

Quello di Paulo Dybala è un problema psicologico?

La situazione di Paulo Dybala alla Juventus non è delle migliori. La Joya non ha giocato le prime partite di campionato, ma anche quando è stato messo in campo non ha saputo dimostrare il suo valore o fare la differenza. Il rapporto tra l’argentino e i bianconeri sembrava agli sgoccioli, con il Manchester United e il Real Madrid sempre alla finestra, ma Andrea Pirlo ha rassicurato l’ambiente, spiegando che il numero 10 rimarrà a Torino.

“Qualcuno magari ha fatto tante partite di fila e può recuperare. Anche Ramsey, per esempio, non è ancora al meglio dopo la partita di Kiev, quindi è al 50% ma viene comunque con noi. Gli altri hanno giocato tanto in questo periodo, in cui non c’era Cristiano Ronaldo, magari devono riposare, ma ora devono giocare per forza. Quello di Paulo Dybala è un problema psicologico? No, è solo una questione fisica, non c’è altro. Ve l’ho sempre detto che non era al 100%. La prima dopo il rientro lo fai sempre bene, la seconda magari ti arriva un po’ di stanchezza ed è più difficile. Ha bisogno di allenarsi, giocare e trovare il ritmo. Non penso che quando uno entra in campo pensi al mercato, ma solo a fare bene. E lui ha in mente solo questo per la Juventus”

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Pirlo
Pirlo