fbpx

Scrivi quello che vuoi cercare

Cile – Perù: analisi tattica, statistiche e pronostico

Nella notte tra mercoledì 3 Luglio e giovedì 4 Luglio, alle ore 02:30, si terrà il match tra Cile e Perù, valido per la seconda delle semifinali di Copa America. Lo stadio palcoscenico della partita è l’Arena do Gremio di Porto Alegre, stadio dell’omonima squadra brasiliana. Vediamo dunque il pronostico di Cile – Perù in programma giovedì notte.

Cile – Perù: due compagini di autentici condottieri

E’ innegabile che Cile e Perù rappresentino due sorprese di questa Copa America. O, per meglio dire, sorprese fino ad un certo punto: il Cile è la vincitrice delle due ultime edizioni e il Perù ha già dimostrato nello scorso Mondiale di possedere uno spirito differente, un amore sconfinato per la propria Nazione che si ripercuote positivamente sull’intensità di gioco applicata in campo.

Il cammino del Cile ha subìto un lieve calo dopo l’inizio alquanto scoppiettante: la squadra allenata da Rueda ha rifilato un secco 4-0 ai danni del Giappone nel primo match e un corsaro 2-1 ai danni dell’Ecuador nella seconda partita giocata. Solo in seguito è arrivata la sconfitta contro l’Uruguay, per certi versi pronosticabile data la grande solidità complessiva espressa dalla Celeste nel torneo e non solo, e il pareggio contro la Colombia, diventato poi positivo grazie alla vittoria tramite calci di rigore. Forse non è il Cile visto nelle due ultime edizioni della Copa America, anche a causa dell’ambiente un po’ turbolento dopo la più recente vittoria del torneo sudamericano, ma senza dubbio è lo stesso Cile grintoso, mai arrendevole e ricco di qualità in ogni reparto. Il Perù ha confermato ancora una volta di essere una squadra speciale. Nonostante il cammino sino ad oggi non troppo entusiasmante, con due pareggi (l’ultimo dei quali contro l’Uruguay ha permesso, dopo calci di rigore, di passare il turno), una vittoria ai danni della timida Bolivia e una pesante sconfitta per 5-0 contro il Brasile, la squadra del Tigre Gareca è candidata di diritto alla nomea di squadra più corsara del torneo. I peruviani hanno dimostrato di saper subire, mostrando solidità in difesa ma anche di poter contrattaccare con terminali offensivi degni di nota. Un nome su tutti è quello del Barbaro Paolo Guerrero, un riferimento non solo per la squadra, ma per l’intera Nazione.

cile perù

Cile – Perù, analisi prepartita e statistiche

Siamo di fronte a due squadre non troppo differenti, almeno secondo alcune particolari statistiche. Va ammessa però una prima sostanziale differenza. Il Cile tecnicamente possiede giocatori più esperti, che provengono da campionati mediamente più gettonati e complicati: gli esempi più palesi sono Arturo Vidal, insaziabile re, capitano e guida morale della Roja, così come il talento di Alexis Sanchez, il giovane Pulgar del Bologna e il talento intermittente di Edu Vargas, che in nazionale riesce sempre a stupire.

Non a caso il Cile possiede cifre maggiori in termini di possesso palla, con la percentuale del 53% contro il 47.7% del Perù; sorprendentemente però il Perù la spunta per precisione ai passaggi (80.7% contro 79.4% dei cileni), rivelandosi una squadra comunque concreta. Troviamo una relativa somiglianza per quanto riguarda l’attacco, dove entrambe le squadre hanno effettuato una media di tiri di 11.6 ognuna, dei quali all’incirca 4 in porta di media. Il Perù dribbla di più del Cile: il dato è di 9.5 per match contro 6.5 dei cileni, ed è anche una squadra più avvezza al gioco aereo come dimostra la percentuale di 53% di contrasti aerei vinti contro il 51% dei cileni.


Scarica l’app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.invictus app store appleinvictus google play android


Sembra esserci un sostanziale equilibrio anche per quanto riguarda le statistiche della difesa: entrambe le compagini possiedono la statistica di 20 spazzate a partita di media, così come i passaggi intercettati (12.5 per il Cile, 10 per il Perù) e i tiri bloccati (2 contro 2.5). L’unica vera differenza proviene dai tiri concessi e in questo caso il Perù dimostra di concedere di più agli avversari: il dato è di 12.3 tiri concessi a partita contro 8.5 per il Cile.

Nel complesso emergono chiaramente le immagini di due squadre molto simili, le cui differenze provengono dai giocatori e dall’approccio ad ogni match: il Cile è una squadra di talento e di intensità, il Perù è una squadra di cuore e grinta.

Cile – Perù, probabili formazioni

Si segnala al momento soltanto l’infortunio di Jefferson Farfan per il Perù: la sua presenza è incerta, potrebbe rientrare però entro giovedì e sarebbe importantissima per i peruviani.

CILE (4-3-3): Arias; Isla, Medel, Maripàn, Beausejour; Aranguiz, Pulgar, Vidal; Fuenzalida, Vargas, Sanchez.

PERÙ (4-2-3-1): Gallese; Advincula, Zambrano, Abram, Trauco; Yotùn, Tapia; Carrillo, Farfan, Cueva; Guerrero.

Pronostico dell’esperto e consigli scommesse Cile – Perù

Dopo Colombia – Cile, un’altra partita potenzialmente equilibratissima fino alla fine dei tempi regolamentari e supplementari. E’ improbabile che il Perù scenda in campo per giocare a viso aperto: l’obiettivo è raggiungere la finale, dunque sarà opportuno difendersi dalle sfuriate offensive del Cile. Proprio il Cile rappresenta la favorita per il raggiungimento della finale, ma dovrà essere in grado di bucare la difesa peruviana entro i 90 minuti, o il rischio dei calci di rigore – dove il Perù sa essere freddo e cinico – potrebbe far sfumare il sogno della vittoria della terza Copa America di fila.

Dove vedere la diretta streaming di Cile – Perù

Sarà possibile seguire Cile – Perù in diretta su DAZN e su tutti i bookmaker online che trasmettono la Copa America in diretta streaming.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Tag
Andrea Troccoli

Andrea nasce a Foggia nel 1992, i suoi principali interessi sono sempre stati lo sport, la tecnologia e la finanza. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bologna, si è laureato in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa presso la Sapienza, Roma. Da anni vive a Roma e, come addetto Marketing per Nextwin, può mettere in pratica le conoscenze acquisite e abbinarle alle sue passioni.

  • 1

Potrebbe piacerti anche