Il derby d’Italia tra Juventus ed Inter ha visto ancora una volta la vittoria dei bianconeri. Maurizio Sarri ha sconfitto Antonio Conte nel match più importante, chiudendo le porte della lotta scudetto ai nerazzurri. La Serie A ora (ammesso che si continui a giocare) è una questione tra Juventus e Lazio, con l’Inter che ora dovrà rivedere i suoi piani.

Juventus
scommesse telegram

Lo scudetto è una corsa a due

Con la sconfitta di ieri sera, l’Inter di Antonio Conte rimane al terzo posto, a meno otto dalla Lazio e a meno nove dalla Juventus. I nerazzurri sembrano così ormai fuori dalla lotta scudetto, nonostante la società abbia investito pesantemente sul mercato per arrivare a questo obiettivo. Antonio Conte, Marotta e il resto della dirigenza dovranno quindi rivedere i piani stagionali e capire cosa non ha funzionato. L’Inter era pronta a lottare contro la Juventus per lo scudetto, ma sicuramente l’arrivo prepotente della Lazio ha scombinato i piani di tutti. Questo non può essere però un alibi per nessuno, specialmente per una società che sul mercato ha investito quasi 200 milioni di euro, facendo arrivare top player come Romelu Lukaku e Christian Eriksen, insieme a giovani di talento come Sensi e Barella. Sorride invece Maurizio Sarri, che dopo aver ricevuto moltissime critiche, fa scendere in campo una Juventus concentrata e cinica, che forse non stupirà dal punto di vista del gioco, ma porta a casa tre punti importanti, vincendo per la seconda volta contro l’Inter in questa stagione.

I problemi dell’Inter sono evidenti

Juventus Inter Sarri Conte Dybala

La delusione di Antonio Conte dopo la sconfitta con la Juventus 

L’Inter ha mostrato evidenti problemi, che potrebbero andare al di là della tattica in campo. Lautaro Martinez appare sempre meno concentrato. E’ possibile che le voci che lo vorrebbero a Barcellona già dall’inizio del mercato estivo lo abbiamo deconcentrato e Antonio Conte non sembra in grado di riportarlo alla realtà, quella nerazzurra. Il calo però non sembra solo mentale, ma anche fisico. Possibile che Lautaro Martinez non si stia allenando bene? Sono cose che in una società non dovrebbero mai accadere e che l’Inter potrebbe pagare a caro prezzo.
Che dire invece di Eriksen? E’ arrivato a Milano a gennaio portando grandi speranze, ma Antonio Conte sembra non volerlo sfruttare al massimo. Parte sempre dalla panchina e fatica ad incidere, specialmente in un modulo (il 3-5-2) che non fa per lui. Conte avrebbe voluto Arturo Vidal, questo lo sanno tutti, ma non sfruttare un giocatore con le capacità tecniche di Eriksen sembra davvero uno spreco, specialmente in un’Inter dove Sensi fatica a ritrovare la condizione migliore dopo l’infortunio, e con Barella che non sta giocando al meglio.
I problemi continuano però anche in difesa, dove Milan Skriniar fa ancora fatica a giocare nella difesa a tre. Il difensore slovacco non convince, e fatica a tenere il passo e i tempi degli avversari più forti (vedi ieri con Cristiano Ronaldo e Dybala). Dal suo rendimento dipende gran parte del futuro dell’Inter, e Antonio Conte dovrà trovare al più presto una soluzione.


Scarica l'app di Invictus per restare sempre aggiornato su tutti i pronostici, i risultati e le trattative di migliaia di squadre, campionati e sport. Clicca su Apple Store se hai un iPad o un iPhone, oppure clicca su Google Play se hai un tablet o uno smartphone Android.

invictus app store

invictus google play


Addio bel gioco, da oggi Sarri riprende la mentalità di Allegri

Maurizio Sarri era arrivato a Torino per portare, oltre ai risultati, il bel gioco. Il tecnico toscano a Napoli aveva dimostrato di avere idee di calcio ben precise, illuminando la Serie A con le giocate dei suoi. Alla Juventus però la storia è stata ben diversa, e Sarri ha dimostrato le difficoltà (già viste al Chelsea) di gestire grandi campioni già affermati. Le due partite migliori dei bianconeri in stagione sono state proprio le due sfide di campionato contro l’Inter. La miglior Juventus non ha però mostrato un grande gioco, ma un grande cinismo, ricordando a tutti la squadra allenata da Allegri, che faceva proprio della forza difensiva e della grande freddezza sotto porta l’arma micidiale per vincere tutte le partite. Dopo le critiche, Sarri sembra aver capito la lezione, e spera di continuare a vedere la sua Juventus vincente in tutte le partite.

Juventus Inter Sarri Conte Dybala

Dybala festeggia il suo goal capolavoro

“Lasciare Dybala in panchina è una bestemmia”

A dirlo è stato lo stesso Maurizio Sarri, che ha però scelto più volte di non far partire dall’inizio l’argentino. Dopo lo sfogo pesante di qualche settimana fa, quando Dybala insultò Sarri davanti agli occhi di tutti, questa volta la Joya ha risposto nel migliore dei modi. Sarri ha preferito schierare dal primo minuto il tridente, ma con Cristiano Ronaldo, Higuain e Douglas Costa. Dybala non ha fatto alcuna polemica, accettando di buon grado la panchina. E, come tutti i campioni, come risponde alla scelta di un allenatore? Con un goal. Entrato nel corso del secondo tempo, Dybala ha segnato un goal strepitoso, mostrando a tutti le sue incredibili doti tecniche e un fiuto del goal da non sottovalutare, portando anche tre punti fondamentali per i bianconeri. Dybala non può più essere considerato una riserva da far entrare a partita in corso, ma il primo dei titolari insieme a Cristiano Ronaldo.

Segui la nostra Guida Scommesse per migliorare le tue capacità e scopri i nostri sistemi vincenti.

Juventus
Juventus